Data odierna 19-11-2017

Mettere a disposizione delle imprese tedesche una banca dati contenente un milione e 800mila curricula di laureati italiani. Questo il progetto del Consorzio Interuniversitario Alma Laurea (www.AlmaLaurea.it)...

Lavorare in Germania: Ambasciata e Consolati a sostengo di Almalaurea e dei giovani italiani

Mettere a disposizione delle imprese tedesche una banca dati contenente un milione e 800mila curricula di laureati italiani. Questo il progetto del Consorzio Interuniversitario Alma Laurea (www.AlmaLaurea.it) nell’intento di favorire l’occupazione, anche in Germania, di giovani laureati italiani.

Secondo quanto confermato dal Consolato generale a Colonia, l’Ambasciata d’Italia a Berlino, alla quale il Consorzio, che rappresenta l’80% dei laureati italiani, aveva chiesto sostegno nel diffondere la presentazione dell’iniziativa, ha aderito con convinzione al progetto, visto che, oltre ad essere una valida iniziativa volta ad assistere i giovani laureati italiani nella ricerca di un impegno all’estero, esso presenta anche il merito di fornire un quadro istituzionale a forme di mobilità del lavoro nell’ambito del comune spazio europeo, in un’ottica di circolazione delle conoscenze e di internazionalizzazione del sistema formativo italiano.

L’iniziativa – lanciata a luglio con oltre seimila aziende tedesche contattate – verrà dunque veicolata dalla sede diplomatica e dai Consolati italiani in Germania.

Al momento, spiegano Andrea Cammelli e Fabio Roversi Monaco, rispettivamente Direttore e Presidente di Alma Laurea, dei curricula nel database “sono 28.500 i laureati italiani che conoscono il tedesco a livello ottimo, altri 15mila che parlano ad alto livello tedesco e inglese; quasi cinquemila sono madrelingua, altri duemila hanno cittadinanza tedesca. Le loro testimonianze si possono leggere sul nostro sito (www.almalaurea.it/informa/news). Sono loro, i migliori ambasciatori del nostro Paese”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento