Data odierna 23-09-2017

L’isolamento politico dell’Iran, le quote rosa nelle istituzioni europee e nazionali e molte altre questioni all’ordine del giorno dell’agenda continentale saranno le tematiche discusse...

L’isolamento politico dell’Iran, le quote rosa nelle istituzioni europee e nazionali e molte altre questioni all’ordine del giorno dell’agenda continentale saranno le tematiche discusse nel corso della Sessione Plenaria Regionale del Parlamento Europeo Giovani (PEG), che si svolgerà a Milano, ospitata dalla Provincia, in occasione della Festa dell’Europea il 9 maggio 2010. I lavori si svolgeranno nella sala incontri di Spazio Oberdan (viale Vittorio Veneto 2), dalle 14.30 alle 19 di sabato e dalle 10 alle 16 di domenica 9 maggio.
La Sessione Regionale- organizzata dall’Associazione Parlamento Europeo Giovani, con sede a Lucca- vuole essere un momento di confronto formale tra circa 50 studenti del III e IV anno delle scuole secondarie di secondo grado di Milano, della provincia di Milano e di Parma. Si tratta di un’iniziativa che prepara i giovani a diventare cittadini europei attivi e consapevoli, capaci di diffondere e tradurre le proprie convinzioni nel contesti sociali in cui si troveranno ad operare.
Domenica 9 maggio, dalle ore 11, si svolgerà il dibattito alla presenza di numerosi ospiti istituzionali, tra cui il vicepresidente della Provincia di Milano, Novo Umberto Maerna, e l’europarlamentare Carlo Fidanza.
Nel pomeriggio è inoltre previsto un incontro tra i partecipanti e il Presidente della Provincia di Milano, già parlamentare europeo dal 1994 al 2009, On. Guido Podestà.
“È con grande piacere che la Provincia di Milano ospita la sessione lombarda del Parlamento Europeo Giovani – spiega il Vicepresidente della Provincia, Novo Umberto Maerna – un’occasione che spero consentirà ai giovani partecipanti, che si dedicano con passione all’impegno politico e sociale, di approfondire le ragioni e le caratteristiche dell’Europa che tutti insieme vorremmo rafforzare, quella che cementa le sue radici su Identità, Tradizione e senso di Appartenenza: l’Europa come Nazione comune di milioni di persone, soprattutto giovani, e non come sovrastruttura burocratica e dominata da logiche meramente finanziarie o di profitto”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento