Data odierna 20-09-2017

“Mi è capitato in mano davvero per caso per caso un quotidiano di un anno fa ma, sfogliandolo, ci ho messo un attimo a capire che non era quello di oggi: quasi tutti gli argomenti, i titoli,...

“Mi è capitato in mano davvero per caso per caso un quotidiano di un anno fa ma, sfogliandolo, ci ho messo un attimo a capire che non era quello di oggi: quasi tutti gli argomenti, i titoli, le polemiche in Italia anno dopo anno sono una desolante fotocopia. Da mesi si gira intorno al problema di una nuova legge sulle intercettazioni che rischia di disfare il governo tra idee, contrappunti, ultimatum. Ma possibile che non si riesca a trovare una sintesi seria che prenda atto del problema e lo regoli?”. È quanto si chiede Marco Zacchera, deputato del Pdl e sindaco di Verbania, nell’ultimo numero de “Il Punto”, newsletter che per durante il periodo estivo avrá cadenza quindicinale.
“Risulterebbe – scrive il deputato, che alla Camera presiede il Comitato sugli italiani all’estero – che in Italia ci siano 758.000 utenze telefoniche “ascoltate” di recente contro le 3.000 degli USA. A parte che mi sembrano due dati sballati (un po’ come le auto-blu: 600.000 in Italia e solo 3.000 negli USA, io non ci credo…) resta il fatto che credo sia necessario: a) ridurre il numero delle intercettazioni a quelle effettivamente necessarie, visto anche il loro costo esorbitante che oggi rappresentano per l’ intera collettivitá; b) imporre che non vengano pubblicati i testi delle intercettazioni almeno finché non siano stai visti od ascoltati da un giudice, sanzionando chi mette in piazza o pubblica notizie ancora riservate; c) distinguere tra intercettazioni utili alle indagini e questioni private che – se non attinenti ai reati – vanno distrutte salvaguardando il diritto alla riservatezza personale, il che – tra l’altro – è sancito dalla Costituzione”.
“Certo – argomenta Zacchera – ci sono percezioni diverse su ciascun punto, ma mi rifiuto di credere che non si possa trovare un accordo logico e chiaro, senza abusi e senza esasperati colpi di spugna perché chi compie un reato va pur scoperto, anche se non si puó ascoltare tutti solo per “scoprire” potenziali reati o diamo addio – come sta avvenendo – ad un sacrosanto minimo di privacy. Quindi – rileva il deputato – niente “legge bavaglio” come sostiene certa sinistra, ma corretta necessitá che non si possano diffondere testi di interviste a mezzo stampa se non sia neppure iniziato un processo ad una qualsiasi persona che – sempre per definizione costituzionale – è da considerarsi innocente fino a sentenza definitiva. Purtroppo troppe volte, invece, in Italia succede esattamente il contrario”.
Nella newsletter, Zacchera interviene anche sulla struttura del Pdl: “le cronache politiche – scrive in proposito – parlano ogni giorno di nuovi gruppi, sottogruppi, “fondazioni”, proposte organizzative portate avanti da questa o quella “anima” del PDL che di fatto – a poco più di un anno dalla fondazione – appare sempre di più un corpo indistinto pieno di voti, ma povero non tanto di idee quanto di capacitá di interpretarle. Una volta di più mi ripeto: mancano le regole, un minimo di disciplina, dipartimenti che funzionino, una gerarchia territoriale. Insomma: se paragoniamo il Popolo Delle Libertá ai partiti “storici” della politica italiana siamo lontani anni-luce, il che potrebbe anche essere cosa positiva se peró lo si fosse deciso e si fosse proposto (ed applicato) un diverso modo strategico di aggregare le persone per fare attivitá politica. Non si va molto avanti su questa strada, anche perché quello che appare al vertice – a cominciare dalle punzecchiature tra Fini e alcuni dirigenti del partito – si ripete (peggiorato) in periferia. Possibile – conclude – che non ci si vuole rendersene conto?”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento