Data odierna 22-06-2017

Si è riunito ieri in Senato il Comitato per le Questioni degli Italiani all’Estero presieduto da Claudio Micheloni, convocato per fare il punto sui temi all’attenzione del Comitato. Primo tra tutti...

In senato la riunione del CQIE, nuovo rinvio per la mozione sulla rete consolare

Si è riunito ieri in Senato il Comitato per le Questioni degli Italiani all’Estero presieduto da Claudio Micheloni, convocato per fare il punto sui temi all’attenzione del Comitato. Primo tra tutti la riorganizzazione della rete consolare, al centro della mozione dei senatori eletti all’estero, che avrebbe dovuto essere discussa oggi e che invece è stata rinviata ancora per dare il tempo al Ministro Mogherini di prenderne visione.

A richiederlo è stato proprio il Pd, attraverso la senatrice Ghedini che ieri in Aula ha chiesto una modifica dell’ordine del giorno: “intervengo per richiedere il rinvio della discussione della mozione, avente come primo firmatario il senatore Micheloni, sulla riorganizzazione della rete diplomatico-consolare, in ragione del fatto che il ministro Mogherini certamente non ha ancora avuto modo di prendere atto dei contenuti della mozione. Noi – ha spiegato – chiederemmo di rinviare la discussione al momento successivo a quello in cui il Ministro avrà reso le proprie dichiarazioni programmatiche alle Commissioni. Quindi, rimetteremmo alla Conferenza dei Capigruppo la possibilità di calendarizzare di nuovo la mozione in data successiva”.

Il contenuto della mozione è stato richiamato anche da Micheloni nella seduta del Comitato, dove ha annunciato ai colleghi i prossimi appuntamenti degli organismi rappresentativi degli italiani all’estero.

Sono state infatti decise le date delle Commissioni continentali del Cgie.

“La riunione della Commissione continentale Europa e Africa del Nord – ha informato Micheloni – si terrà a Zagabria, nei giorni 27, 28 e 29 marzo 2014, mentre la riunione della Commissione continentale per i Paesi anglofoni extraeuropei che si terrà a Detroit dal 25 al 27 aprile 2014. Vi ricordo anche l’invito a recarci in visita alla Comunità italiana di Toronto dal 27 al 31 marzo 2014. vista la vicinanza geografica tra le due città nordamericane, propongo di posticipare la visita a Toronto, unendola alla missione a Detroit, prevista per fine aprile”.

Il senatore Pd ha quindi posto all’attenzione del Comitato “l’urgenza di affrontare con il nuovo Governo la questione tuttora irrisolta del rinnovo del Consiglio generale degli italiani all’estero e dei COMITES. Credo sia necessario convocare in un’altra audizione un rappresentante del Governo prima della prossima riunione del Comitato di Presidenza del CGIE che si terrà a Roma al Ministero degli esteri il 18 e 19 marzo”.

Intervenendo al dibattito, il senatore Renato Turano (Pd) si è soffermato sulla situazione determinata dalla chiusura del consolato di Newark nello Stato di New York (USA), avvenuta il 28 febbraio. “La comunità italiana locale – ha riferito – è molto delusa perché è stata lasciata sola e non è stata avvisata in alcun modo su come accedere ai servizi dopo la chiusura degli uffici consolari. Inoltre la prevista nomina di un console onorario non è ancora avvenuta”. Ribadendo l’importanza di discutere la mozione sulla rete consolare, Turano ha proposto di prolungare la visita a Toronto e Detroit con una tappa a Newark.

Ultimo ad intervenire, anche il senatore Claudio Zin (Maie) ha confermato “la situazione di disagio vissuta da molti italiani all’estero”, riferendosi in particolare “agli avvenimenti recenti in Venezuela, dove si è assistito a proteste e manifestazioni popolari che hanno portato all’arresto anche di alcuni cittadini italo-venezuelani, tra cui due giornalisti. Grazie all’intervento del Consolato italiano in loco – ha sottolineato – è stato possibile ottenere la loro liberazione. Questo è un valido esempio a conferma del fatto che la chiusura indiscriminata di consolati italiani all’estero è un grave errore”. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento