Data odierna 19-11-2017

Il Vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, responsabile per l’Industria e l’imprenditorialità, parteciperà al convegno inaugurale di “Made in Steel”. La cerimonia...

Il vicepresidente Tajani a Milano per illustrare i punti chiave della strategia Europea sull’acciaio

Il Vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani, responsabile per l’Industria e l’imprenditorialità, parteciperà al convegno inaugurale di “Made in Steel”. La cerimonia si terrà domani, 3 aprile, alle 10.30 nella Siderweb room della FieraMilanoCity, a Milano.

Il tema dominante del convegno sarà la sostenibilità economica e sociale e la siderurgia come leva per il rilancio delle economie avanzate.

Oltre a Tajani, parteciperanno Marco Fortis (Vicepresidente Fondazione Edison), Antonio Gozzi (Presidente Federacciai) e Riccardo Monti (Presidente ICE). Modererà il dibattito il Vicedirettore de Il Sole 24 Ore Alberto Orioli.

Il dibattito sarà l’occasione per presentare i punti fondamentali della strategia europea per il rilancio del settore siderurgico, attualmente in corso di finalizzazione.

Il mercato dell’acciaio in Europa ha visto la domanda interna UE scendere del 29% rispetto al 2007. I recenti dati economici indicano una diminuzione delle attività in tutti i settori che utilizzano acciaio e nella maggior parte degli Stati membri della UE.

Per sostenere le imprese di fronte alla crisi, la Commissione europea ha lanciato nel luglio 2012 una Tavola rotonda sull’acciaio, presieduta dal Vicepresidente Tajani e dal Commissario europeo all’Occupazione Andor. Alla Tavola rotonda sono stati invitati i rappresentanti dell’industria, dei sindacati, del Parlamento europeo e degli Stati membri. In occasione della riunione dello scorso 12 febbraio, sono state approvate una serie di raccomandazioni e azioni strategiche, che saranno tradotte nel Piano europeo d’azione per l’acciaio che sarà presentato il prossimo 5 giugno. In quell’occasione, la Commissione presenterà i primi risultati del “fitness check”, ossia un monitoraggio della rilevanza e della proporzionalità degli oneri regolamentari che gravano sul settore siderurgico.

L’Italia è il secondo produttore di acciaio in Europa, dopo la Germania con 28 Mt nel 2011 e 42 siti produttivi localizzati soprattutto nel nord, con l’eccezione dell’ILVA di Taranto.

La crisi ha colpito in misura minore la produzione italiana con un calo di quasi l’8% – al di sotto della media europea (25-30%).

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento