Data odierna 22-10-2017

“Gentilissimo Professor Monti, esimio Presidente del Consiglio, ci permetta innanzitutto a nome degli iscritti e dei simpatizzanti del Partito Democratico in Svizzera, di ringraziarla per aver accettato...

Il Pd Svizzera a Monti: grazie per l’affettuoso riferimento agli italiani all’estero

“Gentilissimo Professor Monti, esimio Presidente del Consiglio, ci permetta innanzitutto a nome degli iscritti e dei simpatizzanti del Partito Democratico in Svizzera, di ringraziarla per aver accettato di guidare il Governo italiano in questo difficile momento di crisi e di augurarle buon lavoro. Abbiamo deciso di scriverle questa lettera, all’indomani del suo discorso di presentazione del programma di Governo davanti alle Camere parlamentari, nel quale ha fatto un chiaro e affettuoso riferimento alla comunità degli italiani all’estero. Si tratta di un riconoscimento e di un’attenzione che non sentivamo da anni e che ci inorgoglisce”. Inizia così il messaggio che il circolo svizzero del Partito democratico invia al neo eletto presidente del Consiglio Mario Monti.

“In questi ultimi anni, – si legge – di fronte ad una politica, che ha estremamente indebolito le strutture portanti della politica in favore degli italiani all’estero, il Partito democratico in Svizzera ha risposto organizzandosi e proponendo nuove idee e strategie. Infatti, ad oggi in Svizzera siamo organizzati in 30 circoli e contiamo diverse migliaia di iscritti e numerosi simpatizzanti. Siamo consapevoli della gravità della situazione economica, morale e istituzionale del nostro Paese e delle priorità che il suo Governo si é dato per i prossimi mesi”.

“Tuttavia – si aggiunge – siamo certi che Lei si adopererà affinché alcune questioni fondamentali quali: i corsi di lingua e cultura italiana, le nostre rappresentanze politiche e il voto degli italiani all’estero inquadrato nel processo di riforma di una nuova legge elettorale, siano preservate dalla scure finanziaria a cui le ha condannate il precedente Governo e contrariamente a ciò, con un nuovo spirito riformatore e di inclusione, vengano riproposte all’attenzione del Governo e del Parlamento”.

“Caro Presidente, – conclude il messaggio – noi ci siamo e mettiamo a Sua disposizione le nostre idee, le nostre esperienze e la nostra voglia di contribuire a risollevare l’immagine del nostro Paese nel mondo. L’occasione pur inconsueta per farLa partecipe delle nostre istanze ci è gradita per formularLe, signor Presidente Monti, i migliori auspici di successo ed un ben augurante saluto”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento