Data odierna 23-09-2017

“Anche quest’anno è stato necessario ‘fare di necessità virtù’. Fino a quando non passerà questo periodo di crisi internazionale, le finanziarie saranno ridotte all’essenziale. E, a stringere...

“Anche quest’anno è stato necessario ‘fare di necessità virtù’. Fino a quando non passerà questo periodo di crisi internazionale, le finanziarie saranno ridotte all’essenziale. E, a stringere la cinghia, siamo chiamati tutti, italiani in Patria e all’estero”.Inizia cosi il messaggio per le festività natalizie del senatore del Pdl Basilio Giordano, eletto nella ripartizione America settentrionale e centrale.

“ Comunque il governo – prosegue il senatore – ha ripristinato, nella legge di Stabilità  da poco varata, i 5 milioni di euro a favore della stampa italiana all’estero. E il premier Berlusconi ha promesso al senatore Esteban Castelli, neo coordinatore per gli italiani nel mondo, lo stanziamento di 10 milioni di euro per la cultura, la lingua e l’assistenza degli italiani all’estero. Anche in un momento difficile, come quello che attraversiamo, sono due segnali importanti nei confronti dei connazionali fuori dai confini nazionali”.

“Quest’anno, – prosegue Giordano – nei periodi in cui sono stato libero da attività parlamentari, ho continuato a viaggiare attraverso il mio vasto Collegio elettorale, partecipando a diversi momenti istituzionali in Canada e negli Stati Uniti, incontrando il mondo associazionistico e imprenditoriale; altre realtà italiane spero di incontrare presto in altri Paesi del Collegio, l’anno prossimo”.

Giordano ricorda poi come, con il governo Berlusconi, “lo Stato è tornato a fare lo Stato, dando più sicurezza alle nostre città, più rigore contro l’immigrazione clandestina. Anche nella lotta alle mafie, successi incredibili. Con la riforma del pubblico impiego, premiato il merito, puniti i fannulloni, pubblica amministrazione più vicina ai cittadini. Avvio delle grandi opere, un grande progetto per rilanciare il sud. E poi la politica estera: il premier Berlusconi, in questi anni, si è reso protagonista assoluto della politica mondiale; ha sviluppato la ‘diplomazia commerciale’, facendo sì che centinaia di imprese italiane fatturassero miliardi di euro di commesse in giro per il mondo; grazie alla mediazione di Berlusconi, è tornato il sereno nei rapporti tra Usa e Russia; è aumentata l’autorevolezza dell’Italia a livello internazionale”.

Dopo aver criticato la scelta politica di Fini e dei deputati di Futuro e Libertà, Giordano sottolinea come l’Italia abbia bisogno di tutto, “tranne che di una crisi di governo e di una crisi di stabilità. Le agenzie internazionali di rating hanno confermato più volte la fiducia nell’Italia e nei nostri titoli di Stato, ma hanno posto una condizione precisa: che si mantenga la stabilità di governo”. Il senatore ricorda poi che dal governo è già stato approvato il Federalismo fiscale e il piano per la Sicurezza dei cittadini, mentre il Senato ha appena dato il via alla riforma dell’università. E’ inoltre in preparazione la riforma del Fisco ed è pronta quella della Giustizia.

“Il 14 dicembre – prosegue il senatore – il governo Berlusconi ha ancora una volta avuto la fiducia da parte di Camera e Senato. Di misura, ma l’ha avuta. E adesso si prepara a proseguire il suo impegno, con più lena di prima, per approvare quelle riforme che l’Italia attende da molto tempo. Per il bene dell’Italia, è giusto sostenere questo governo: il governo del fare, che ha lavorato, che lavora tanto, che ha fatto molte cose giuste e che vuole continuare a farle, completando la realizzazione del programma votato dagli elettori”.

Il messaggio si conclude con gli auguri agli italiani nel mondo per le feste natalizie e di fine anno. “Il successo – scrive Giordano – bussi finalmente alla vostra porta, per voi e per i vostri figli. Siate fieri della vostra italianità e non dimenticatevi che siete importanti per l’Italia”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento