Data odierna 21-11-2017

“Si è appreso che, a causa del contenimento della spesa pubblica, il Ministero degli affari esteri non avrebbe stanziato i fondi necessari per realizzare la campagna informativa sui quesiti referendari”:...

“Si è appreso che, a causa del contenimento della spesa pubblica, il Ministero degli affari esteri non avrebbe stanziato i fondi necessari per realizzare la campagna informativa sui quesiti referendari”: è quanto scrive l’onorevole Antonio Di Pietro (Idv) nell’interrogazione rivolta ai Ministri degli esteri e dell’economia, Frattini e Tremonti, ai quali chiede di sapere “quali iniziative si intendano intraprendere per garantire l’esercizio del diritto di voto degli italiani residenti all’estero, in conformità a quanto disposto dall’articolo 48 della Costituzione della Repubblica italiana”.

Nella premessa, il leader di Idv ricorda che “nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana – Serie Generale, n. 77, del 4 aprile 2011 sono stati pubblicati i decreti del Presidente della Repubblica del 23 marzo 2011 con i quali sono stati convocati, per i giorni di domenica 12 e lunedì 13 giugno 2011, quattro referendum popolari abrogativi previsti dall’articolo 75 della Costituzione, numerati e denominati in conformità alle ordinanze dell’ufficio centrale per il referendum presso la Corte di Cassazione, depositate in cancelleria il 7 dicembre 2010 e il 2 febbraio 2011; tutti i cittadini, anche se residenti all’estero (A.I.R.E.), hanno il diritto di esprimere il loro voto, partecipando alla consultazione referendaria, conformemente a quanto statuito dalla Carta Costituzionale”.

“Si è appreso – aggiunge – che, a causa del contenimento della spesa pubblica, il Ministero degli affari esteri non avrebbe stanziato i fondi necessari per realizzare la campagna informativa sui quesiti referendari, con conseguente impossibilità per gli elettori residenti all’estero di ricevere le informazioni necessarie ad esercitare il loro diritto di voto in modo consapevole e quindi libero”.

Il deputato chiede quindi di sapere “quali iniziative si intendano intraprendere per garantire l’esercizio del diritto di voto degli italiani residenti all’estero, in conformità a quanto disposto dall’articolo 48 della Costituzione della Repubblica italiana”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..