Data odierna 23-09-2017

L’INTERPELLANZA DELL’ON. GARAVINI (PD) . “Predisporre e presentare alle Camere in tempi rapidi un piano di reale “razionalizzazione” della rete diplomatico-consolare basato sui...

Guarda le immagini IL GOVERNO PREDISPONGA UNA “VERA RAZIONALIZZAZIONE” DELLA RETE CONSOLARE ALL’ESTERO:

L’INTERPELLANZA DELL’ON. GARAVINI (PD) . “Predisporre e presentare alle Camere in tempi rapidi un piano di reale “razionalizzazione” della rete diplomatico-consolare basato sui seguenti orientamenti: il superamento delle azioni di chiusura in corso, l’eliminazione degli sprechi, numerosi e diffusi, che persistono nella rete, l’adozione di misure di semplificazione amministrativa da tempo annunciate ma solo in piccola parte realizzate, l’accelerazione, sulla base di investimenti adeguati in termini di risorse finanziarie e umane, dei programmi di rinnovamento tecnologico capaci di far conseguire in tempi precisi e ragionevoli gli standard di efficienza necessari”: questa la richiesta contenuta nella interpellanza urgente presentata in Commissione Esteri dalla deputata del Pd Laura Garavini che, insieme ad altri 47 deputati tra cui gli eletti all’estero Porta (Pd) e Razzi (Idv), la indirizza al Ministro degli Esteri, Franco Frattini.
Nella premessa si ricorda che “le azioni di Governo compiute negli ultimi anni sulla rete diplomatico-consolare sia in termini di attribuzione di risorse finanziarie che di adozione di soluzioni organizzative, sono ad avviso degli interpellanti in evidente contraddizione con l’esigenza di renderla più estesa e moderna al fine di consentire al Paese di competere adeguatamente a livello globale; questa divaricazione si evidenzia sia sul piano degli interventi riguardanti la presenza decentrata del Ministero degli esteri che su quello relativo a strumenti promozionali non meno importanti, quali gli istituti di cultura, le scuole e i corsi di lingua e cultura italiana all’estero, l’ICE e le camere di commercio”.
“In applicazione della legge finanziaria per il 2007 (n. 296 del 2006, articolo 1, comma 404) – prosegue al deputata – è stato avviato e realizzato un percorso di “razionalizzazione”, articolato in tre fasi successive, che ha comportato nel recente passato una drastica contrazione della rete diplomatico-consolare; il Ministero degli affari esteri, al di fuori di ogni prescrizione normativa, ha avviato una quarta fase di riduzione della presenza all’estero dell’amministrazione dello Stato italiano che prevede, tra la fine del 2009 e l’inizio del 2011, la chiusura di diciotto sedi consolari (tredici in Europa, due negli Stati Uniti, due in Australia, uno in Sudafrica), con prevedibili conseguenze negative per l’accesso ai servizi da parte delle comunitá italiane e per le condizioni logistiche di lavoro del personale assunto in loco; l’Amministrazione ha accompagnato questa quarta fase di “razionalizzazione” con un piano di riduzione dei costi ammontante a otto milioni di euro, che alla prova dei fatti si è rivelato impreciso, in quanto non si sono calcolati realisticamente gli oneri di trasferimento del personale, degli archivi, nonché quelli della sistemazione logistica delle sedi riceventi e del reperimento di nuovi spazi”.
“Sulla quarta fase – si ricorda ancora in premessa – la Commissione esteri della Camera dei deputati è intervenuta nel luglio del 2009 con una risoluzione (atto n. 7-00193) con la quale si impegnava in modo unanime il Governo a riconsiderare le modalitá di razionalizzazione degli uffici consolari all’estero, ad applicare il processo di revisione e ammodernamento delle procedure amministrative, nonché ad accelerare l’informatizzazione destinata al funzionamento del “consolato digitale”, a verificare le modalitá transnazionali di accesso alle strutture consolari da parte dei nostri cittadini; la risoluzione impegnava, altresí, il Governo a presentare una nuova ipotesi di intervento al Parlamento e al CGIE entro il 2009; la presentazione, da parte del sottosegretario Alfredo Mantica, della nuova ipotesi di “razionalizzazione” della rete diplomatico-consolare, avvenuta nel corso della riunione congiunta delle Commissioni esteri di Camera e Senato del giorno 23 febbraio 2010 e sostanzialmente confermata dalla Relazione di Governo al comitato di presidenza del Consiglio generale degli italiani all’estero presentata in data 26 marzo 2010, non solo non ha comportato alcuna novitá rispetto al piano giá respinto dalla Commissione esteri della Camera, ma ha riaperto alcune ipotesi di chiusura che sembravano scongiurate, come quelle riguardanti i consolati di Detroit, di Philadelphia, di Brisbane, di Adelaide, di Saarbrücken e l’agenzia consolare di Mannheim. In generale non ha offerto alcun parametro obiettivo di efficienza, funzionalitá gestionale e semplificazione delle procedure a sostegno delle decisioni assunte”.
“Di fronte alle ipotesi di chiusura di consolati che finora hanno avuto un’insostituibile funzione di servizio a beneficio di consistenti comunitá italiane e di promozione dell’interscambio economico-commerciale e culturale con aree di importanti Paesi, come la Germania, la Svizzera, la Francia, l’Australia e altri, si sono manifestate esplicite riserve da parte di interlocutori internazionali e manifestazioni di disponibilitá a trovare soluzioni, soprattutto logistiche, capaci di evitare ulteriori costi. Di tali disponibilitá non si è tenuto conto nella nuova ipotesi governativa di razionalizzazione della rete diplomatico-consolare; la comparazione tra i risparmi preventivati e i costi politici e sociali da pagare nei confronti dei nostri interlocutori internazionali e delle comunitá italiane – per i firmatari dell’atto – non giustifica l’insistenza sulla cosiddetta quarta fase di “razionalizzazione” e, meno ancora, il perseguimento di ulteriori tagli; la sperimentazione nel frattempo avviata di esperienze di innovazione tecnologica, quale il “consolato digitale”, pur avendo una indiscutibile valenza strategica, alla prova dei fatti non consente di recuperare in tempi idonei gli standard di servizio assicurati dalla rete esistente; più certi e consistenti risparmi utili per una maggiore efficienza della rete diplomatico-consolare, si potrebbero realizzare riducendo i margini di spreco e le duplicazioni presenti nella struttura esistente, unificando, ad esempio, in un’unica figura di riferimento diplomatico le diverse rappresentanze operanti nella stessa sede (Bruxelles, Parigi e Vienna), integrando gli uffici amministrativi nelle stesse localitá, promuovendo una più estesa applicazione delle procedure di semplificazione amministrativa, razionalizzando l’assetto logistico delle nostre rappresentanze, trasformando alcuni consolati generali in agenzie consolari presso le ambasciate presenti nella stessa cittá, evitando, a fronte di generalizzate difficoltá finanziarie, l’aumento dell’indennitá di sede per i diplomatici”.
Alla luce di tali considerazioni, dunque, i deputati chiedono a Frattini “se non intenda predisporre e presentare alle Camere in tempi rapidi un piano di reale «razionalizzazione» della rete diplomatico-consolare basato sui seguenti orientamenti: il superamento delle azioni di chiusura in corso, l’eliminazione degli sprechi, numerosi e diffusi, che persistono nella rete, l’adozione di misure di semplificazione amministrativa da tempo annunciate ma solo in piccola parte realizzate, l’accelerazione, sulla base di investimenti adeguati in termini di risorse finanziarie e umane, dei programmi di rinnovamento tecnologico capaci di far conseguire in tempi precisi e ragionevoli gli standard di efficienza necessari”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento