Data odierna 23-10-2017

IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE DELL’ON. ZACCHERA (PDL) .Come anticipato nella sua newsletter, “Il punto”, l’onorevole Marco Zacchera (Pdl) ha presentato una interrogazione...

IL TESTO DELL’INTERROGAZIONE DELL’ON. ZACCHERA (PDL) .Come anticipato nella sua newsletter, “Il punto”, l’onorevole Marco Zacchera (Pdl) ha presentato una interrogazione al Ministro degli esteri, Franco Frattini, per sapere se e come il Governo italiano intenda intervenire a sostegno di don Mario Bartolini, sacerdote marchigiano in Perù, sotto processo perché schierato a fianco dei suoi parrocchiani nel nord del paese, che protestano per la cessione di una larga parte del loro territorio ad aziende multinazionali finalizzate allo sfruttamento delle risorse naturali dell’area.
“Notizie di stampa, come quelle apparse sul Corriere della Sera del 16 giugno scorso, – scrive Zacchera in premessa – danno ampia notizia del processo in corso in Perù a carico di Don Mario Bartolini, sacerdote missionario marchigiano, da molti anni schierato a fianco dei suoi parrocchiani nel nord del paese, che protestano per la cessione di una larga parte del loro territorio ad aziende multinazionali finalizzate allo sfruttamento delle risorse naturali dell’area; risulta che Padre Bartolini rischia addirittura una condanna ad 11 anni di carcere ed è intanto detenuto agli arresti domiciliari”.
“Nella zona – prosegue il deputato – scontri tra forze di polizia ed abitanti resistenti alla occupazione delle terre hanno portato recentemente a circa 100 morti alimentando una forte tensione tra la popolazione locale e le autoritá peruviane; Padre Bartolini è giá stato minacciato di morte, accusato di terrorismo e di istigazione alla rivolta, ma è stato assolto da simili accuse”.
Zacchera, dunque, chiede al Ministro “come si configuri l’attuale situazione giuridica e giudiziaria del caso sollevato; quali iniziative abbia intrapreso il Governo italiano per tutelare il nostro connazionale, assicurandogli un processo equo e coerente con i princípi internazionali di correttezza giuridica e tutela della difesa; quale sia la posizione del Governo italiano sulla situazione in Perù, con particolare riferimento alla zona di Lamas e Barranquita” e, infine, “se non si ritenga indispensabile una forte iniziativa diplomatica non solo per garantire la persona del nostro connazionale, ma anche per sottolineare come l’Italia abbia interesse a che vengano correttamente utilizzate le risorse ambientali ed ecologiche dell’intero pianeta, nonché la difesa e la tutela delle minoranze etniche della zona che da sempre convivono con un ecosistema delicato e prezioso come la foresta amazzonica”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento