Data odierna 22-10-2017

Ancora una volta devo dissentire sull’operato di Tremaglia (con tutto il rispetto parlando). Nel 2001 noi all’estero benificiavano di due grandi conquiste (diamole la paternita’),...

Ancora una volta devo dissentire sull’operato di Tremaglia (con tutto il rispetto parlando). Nel 2001 noi all’estero benificiavano di due grandi conquiste (diamole la paternita’), un dicastero degli italiani nel mondo e il tanto (si fa per dire) desiderato voto all’estero. Il primo suo errore fu quello di non aver saputo seminare e seminare bene in tutto il periodo che andava dal 2001 al 2006. Mi spiego meglio, la famosa bicamerale andava proposta in quel periodo, per spianare la strada ai suoi (si fa semper per dire) 18 paladini avvenire, per piu’ facilmente raccogliere il seminato e non come giustamente, ha fatto nel 2006 (diamole anche questa) Quello che voglio dire e’ che Tremaglia doveva cercare di forgiare le sue 18 creature ancor prima dell’elezione! Tutti sappiamo che in quel periodo essendo il dicastero senza portafoglio (questi servono solo a far si che invece di riempirsi solo una tasca il parlamentare designato si riempe anche l’altra) il  ministro fece poco o niente per noi italiani all’estero, a parte qualche viaggetto per il mondo ed un sitoweb che poi fu soppresso nel 2006. Il voto signori e’ stato meglio non averlo, (come qualcuno ha fatto presente) se si fosse votato via posta a tutte le tornate elettorali, oggi tutti noi avremmo senz’altro piu’voce in capitolo di quanto non lo hanno avuto gli eletti all’estero. Tremaglia ha avuto ben cinque anni di ministero, avrebbe dovuto insistere (all’epoca il ferro era ancora caldo ergo piu’ malleabile) per far si che, il voto postale per gli italiani nel mondo era esteso a tutte le tornate elettorali.  Un altro errore fu fatto prima delle elzioni del 2008. Fondatore e presidente del CTIM non, doveva aderire al PDL e invece presentarsi alle elezioni all’estero con la sua lista (oggi sappiamo che anche Tremaglia e’ un finiano). Tutti ricordiamo (o dovremmo) che il giorno del congresso Tremaglia non fu invitato sul palchetto (la famosa passerella finale), rimase seduto sulla sua sedia, solo, soletto, come un pacco dimenticato. Per concludere faccio presente che questa legislatura si accinge a ridurre il numero dei deputati a 400, questo significa che il numero dei parlamentari eletti all’estero, (per quanto non si voglia dire) sara’ drasticamente ridotto a poci parlamentari e i sei senatori saranno aboliti se tutto (questo lo dico io) Vogliamo ancora affermare che Tremaglia ha fatto del bene al popolo italico sparso per il mondo? Contenti voi, contento anch’io!

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento