Data odierna 22-09-2017

“Il prossimo 16 novembre sarà la Giornata di protesta e di mobilitazione degli Indignati della Farnesina!”: ad annunciarlo è la Confsal Unsa – Coordinamento Esteri che, in accordo con...

“Il prossimo 16 novembre sarà la Giornata di protesta e di mobilitazione degli Indignati della Farnesina!”: ad annunciarlo è la Confsal Unsa – Coordinamento Esteri che, in accordo con la propria Federazione, ha deciso di “scendere in campo per manifestare il proprio dissenso rispetto ai tagli e alle insostenibili decurtazioni economiche che penalizzano tutto il personale del Ministero degli Affari Esteri”.

Il sindacato ha quindi dichiarato il 16 novembre prossimo “primo momento di lotta finalizzato all’autotutela collettiva, la mobilitazione di tutti i lavoratori della Farnesina mediante la convocazione di assemblee a Roma e in tutte le Sedi estere”.

Obiettivo quello di “ribadire il proprio “no” alla soppressione delle Sedi all’estero, alla negazione dei servizi istituzionali essenziali alla collettività italiana, all’eliminazione di posti-funzione sulla Rete estera, NO allo sradicamento forzato del personale; al taglio delle retribuzioni del personale a contratto quale diretta conseguenza dell’aumento del prelievo fiscale, al taglio delle indennità al personale di ruolo all’estero”. Ma anche per ribadire il “sì al pieno riconoscimento dei diritti sindacali del personale con contratto regolato dalla legge locale”.

Il sindacato “profondamente convinto che anche nella difficile congiuntura economica in cui versa il nostro Paese sia possibile salvaguardare la Rete Estera, i servizi alla nostra collettività nonché i diritti acquisiti dei lavoratori tutti mediante una politica di spesa della Farnesina più oculata e responsabile” assicura che “continuerà la propria battaglia ad oltranza, in particolar modo in questo delicato momento in cui il Parlamento si appresta a dibattere la Legge di Stabilità, ricorrendo a tutte le forme di lotta previste, ivi compresa quella dello sciopero, al fine di difendere gli interessi dei dipendenti”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento