Data odierna 21-09-2017

“Sedici storie, raccontate da alcuni tra i più significativi scrittori migranti che scrivono in lingua italiana, tutti residenti nel nostro Paese e che vogliono essere uno sguardo a più occhi...

Guarda le immagini GLI IMMIGRATI RACCONTANO L’ITALIA NEL VOLUME “PERMESSO DI SOGGIORNO”

“Sedici storie, raccontate da alcuni tra i più significativi scrittori migranti che scrivono in lingua italiana, tutti residenti nel nostro Paese e che vogliono essere uno sguardo a più occhi e a più voci sull’Italia di oggi. Questo l’obiettivo del volume curato da Angelo Ferracuti e che raccoglie scritti di persone provenienti da Romania, Argentina, India, Cina, Egitto, Palestina, Algeria, Eritrea, Senegal, Congo e Togo”. A darne notizia è questo articolo pubblicato su Migranti Press, settimanale di informazione della Fondazione Migrantes.
“In questo volume gli stranieri – come scrive nella prefazione Enrico Panini – sono “i soggetti e non solo l’oggetto del racconto”. Ai racconti degli scrittori stranieri che scrivono in lingua italiana fa da “controcanto” una sequenza di immagini del fotografo Mario Dondero, che ritrae gli emigrati nostri, italiani, degli anni cinquanta e sessanta. Sono ad Eboli, da dove partivano, poveri e affamati, o in marcia durante uno sciopero alla Renault in pieno sessantotto francese, oppure a Marcinelle, nella miniera dove nel 1956 ne morirono 136, braccati dalle fiamme, soffocati dall’ossido di carbonio”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento