Data odierna 18-11-2017

Ieri pomeriggio il Prefetto della Provincia di Como, Michele Tortora, ha incontrato una delegazione delle Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL, territoriali e delle sezioni frontalieri, nonché rappresentanti...

Ieri pomeriggio il Prefetto della Provincia di Como, Michele Tortora, ha incontrato una delegazione delle Organizzazioni sindacali CGIL-CISL-UIL, territoriali e delle sezioni frontalieri, nonché rappresentanti dei sindacati svizzeri Ocst e Unia. Della delegazione faceva parte anche Claudio Pozzetti, responsabile nazionale della Cgil frontalieri e consigliere del Cgie.

Nel corso dell’incontro, i sindacati hanno illustrato al prefetto alcune problematiche di viabilità che interessando la diramazione della Strada Statale Regina nel tratto che da Porlezza prosegue verso la dogana di Oria Valsolda.

Un tratto che crea non pochi problemi ai frontalieri italiani che si recano a lavorare in Svizzera, come ricordato dai sindacati anche al Prefetto di Varese, incontrato tre settimane fa.

Al traffico dei giorni normali, si aggiungerà presto il flusso dei turisti: ecco perché i sindacati hanno richiesto il rispetto dell’ordinanza ANAS, attualmente vigente, che regolamenta il traffico dei veicoli o complessi di veicoli di lunghezza superiore ai 7,5 metri, nonché dei campers e delle roulottes, dal lunedì al venerdì in determinate fasce orarie nel tratto di SS. 340 Regina Porlezza-Confine di Stato, nonché la realizzazione di idonea cartellonistica, anche in lingua straniera, in modo da rendere pienamente effettivo il divieto.

Il Prefetto ha dato ampia assicurazione sull’intensificazione dei servizi di vigilanza da parte delle Forze di Polizia, con il concorso dei Comandi di Polizia Locale di Porlezza e di Valsolda, ai fini dell’osservanza dei divieti contenuti nell’ordinanza.

È stata inoltre assicurata una “specifica azione di sensibilizzazione” del Compartimento ANAS affinché installi cartelli stradali nelle lingue straniere più diffuse per indicare i divieti di circolazione

Oppure condividila!

Notizie simili

Lascia un commento

Invia il commento