Data odierna 23-10-2017

“Ora che l’emergenza è stata affrontata, bisogna continuare sulla strada del rigore dei conti pubblici ma anche sull’impulso allo sviluppo. Non solo. Vanno mese in campo misure antispeculazione...

Guarda le immagini FRATTINI: CONTINUARE SULLA STRADA DEL RIGORE, IL MINISTRO SODDISFATTO PER IL MAXI PIANO DELLA UE

“Ora che l’emergenza è stata affrontata, bisogna continuare sulla strada del rigore dei conti pubblici ma anche sull’impulso allo sviluppo. Non solo. Vanno mese in campo misure antispeculazione e attuata una riforma della regolamentazione delle agenzie di rating. Il ministro Tremonti lo aveva giá detto e penso che porterá avanti questa tematica a livello europeo”. Lo ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini, dopo l’accordo raggiunto sul maxipiano di aiuti concordato dai Paesi europei, in una intervista al quotidiano Il Tempo. Che sottolinea come Frattini sia stato “tra i primi ministri europei a credere fermamente nella necessitá di un’azione comune a sostegno della Grecia e per arginare la marea speculativa” .

Il titolare della Farnesina è soddisfatto:“C’è stato – evidenzia nell’intervista – un risultato positivo, un buon lavoro di squadra. E soprattutto è stato decisivo il contributo del ministro Tremonti e del presidente del Consiglio Berlusconi che hanno portato avanti idee poi recepite nel maxipiano. Berlusconi è stato a contatto diretto con il presidente Sarkozy, il Cancelliere Merkel e le istituzioni europee. Il ruolo dell’Italia è stato largamente apprezzato”.

“Il governo – spiega Frattini – ha spinto sull’idea che occorreva una solidarietá europea non verso la Grecia in particolare ma per la salvaguardia della casa comune dell’euro. Berlusconi ha detto che era necessario uscire dagli impegni generici e adottare misure idonee a bloccare gli speculatori. Di qui il deterrente rappresentato dai 750 miliardi. I mercati ci hanno creduto come dimostra l’andamento dei listini”.

Ora, ribadisce il ministro, “a queste misure va accompagnata l’attenzione al rigore dei conti pubblici”. “Spagna e Portogallo hanno giá annunciato misure rigorose. Non credo che ci saranno contagi”aggiunge Frattini sottolineando che “la stabilitá dei conti pubblici” ha messo l’Italia “al riparo dagli attacchi speculativi”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento