Data odierna 20-09-2017

La mini amnistia fiscale elvetica, le norme di previdenza e sicurezza sociale che interessano i lavoratori italiani ed i referendum del 12 e 13 giugno prossimi sono stati gli argomenti trattati a Winterthur...

La mini amnistia fiscale elvetica, le norme di previdenza e sicurezza sociale che interessano i lavoratori italiani ed i referendum del 12 e 13 giugno prossimi sono stati gli argomenti trattati a Winterthur da Dino Nardi (UIM) e Mariano Franzin (ITAL-UIL) in una conferenza pubblica che si è tenuta a Winterthur, all’Hotel Zentrum Töss, lo scorso venerdì 27 maggio.

L’evento, organizzato dai Lucani in collaborazione con il Comitato Cittadino Italiano di Winterthur e l’Unione degli Italiani nel Mondo, ha visto la partecipazione di un folto pubblico a dimostrazione della voglia di informazioni che esprime tutt’oggi la comunità italiana sia pure in tempi di media tecnologici come internet.

Dopo gli interventi dei relatori, molte sono state le domande e le richieste di chiarimento a riguardo degli adempimenti fiscali degli emigrati italiani in Svizzera che possiedono una abitazione in Italia. Grande interesse da parte del pubblico vi è stato soprattutto in merito ai quattro quesiti referendari, sui quali sono chiamati ad esprimersi anche gli elettori italiani all’estero attraverso il voto per corrispondenza, a riprova che anche temi come quello del nucleare, dell’acqua e della legalità interessano pure i cittadini italiani emigrati, specie quelli residenti in Svizzera che, pur dopo tanti anni di emigrazione, continuano a mantenere forti legami con l’Italia sia affettivi che economici.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento