Data odierna 22-09-2017

Yverdon-Les-Bains, seconda cittá del Cantone Vaud, è stata la cittá prescelta da molti degli emigrati Collesanesi che son venuti a stabilirsi in Svizzera sin dal 1952. In questi numerosi...

Yverdon-Les-Bains, seconda cittá del Cantone Vaud, è stata la cittá prescelta da molti degli emigrati Collesanesi che son venuti a stabilirsi in Svizzera sin dal 1952.

In questi numerosi anni, tale comunitá della provincia palermitana ha, dapprima stretto i rapporti con gli altri compaesani sparsi sul territorio elvetico, poi ha saputo costruire uno splendido legame di stima e amicizia con la popolazione locale e con le autoritá yverdonnesi, tanto da creare, nel 1985, un’amicale per far continuare la tradizione religiosa della festa di Maria S.S. dei Miracoli su terra elvetica e gettare cosí le basi che hanno portato alla firma della “Carta dell’Amicizia”, nell’ottobre del 2004 a Collesano.

Tale risultato è stato reso possibile dal paziente lavoro di sensibilizzazione che è stato fatto dal comitato, presieduto da  Rosario Ilardo, che non ha mai perso occasione per valorizzare le proprie origini e l’appartenenza yverdonnese, tanto da arrivare ad organizzare scambi con le bande musicali, con la compagnia teatrale, con gli alunni delle scuole medie e con le stesse autoritá.

Numerose le personalitá presenti il 19 e 20 giugno a Yverdon-Les-Bains per onorare tale ricorrenza, che è stata avviata sabato sera da uno spettacolo teatrale, in collesanese, dal titolo “San Giovanni decollato”, della Compagnia teatrale di Collesano, guidata da  Rita Capitano. Domenica, in occasione della commemorazione religiosa bilingue, nella chiesa di St.Pierre, è stato regalato dal comtato dei festeggiamenti di Maria SS dei Miracoli, una copia del quadro originale della Madonna, con tanto di processione, secondo la tradizione e la devozione collesanese. La banda yverdonnese, invece, si è prodigata nell’offrire un eccellente intermezzo musicale nel cortile antistante la chiesa.

La parte più ricreativa che ne è seguita, ed in veritá inizata, sin dalla sera prima, ha visto scambi di doni e discorsi di reciproco apprezzamento e soddisfazione per ció che è stato costruito in questi anni, con il contributo di tutti ed in particolare di tutte le amministrazioni che si sono succedute, che hanno saputo tenere nella giusta considerazione la parte migliore dei loro paesi, vale a dire la ricchezza dei propri emigrati.

Non è stata persa questa occasione per affiancare le giornate di festa a incontri istituzionali, per metter a punto i futuri impegni, come lo scambio scolastico in settembre e i festeggiamenti del 750° della cittá di Yverdon-Les-Bains ad ottobre, nonché le visite degli svizzeri a Collesano.

Fra le personalitá collesanesi vi erano: il neo-sindaco, Giovanni Meli, il consigliere provinciale Vito Lanza, l’assessore al turismo Battaglia Maurizio, il presidente del consiglio comunale Nello La Russa, monsignor Don Pino Vacca, il consigliere comunale Giuseppe Guttilla, i presidenti delle bande musicali: “ Maria SS.  dei Miracoli” e  “Pier Luigi da Palestrina”, Mario Macaluso e Pietro Mogavero, il presidente del comitato dei festeggiamenti  Maria SS.  dei Miracoli, D’Agostaro Michele.

Fra le autoritá yverdonnesi presenti, vi erano: il presidente della commissione del gemellaggio, Charles Forestier (ormai di casa a Collesano), il secondo vice-présidente del consiglio comunale, Valerie Jaggi (di origine italiana), gli assessori, Marc-André Burkhard e Natalie Sauggy, il presidente della fanfara “Avenir”, Gérald Mercier e l’ex-direttore, Michel Roethelisberger.

Certo per l’Amicale il compito non è stato facile per accogliere tutte queste personalitá, oltre ai numerosi collesanesi venuti anche da fuori e alle rappresentanze italiane locali, come il Console Generale Adolfo Barattolo, il presidente del Com.It.Es. Vaud-Friburgo, nonché vice-presidente della Camera Cantonale Consultativa del Vaud, Grazia Tredanari, don Gianfranco Falgari, il presidente dei Siciliani, Alessandro Gargano, il presidente del Circolo AEI, Rosario Fiore e i rappresentanti della missione italiana, capeggiati da Giuseppe Agosta.

Il Comitato dell’Amicale, costituito da Rosario Ilario, Rosetta Alfonso, Carmelo Colombo, Giuseppe Mascellino, Calogero Ippolito, Luciano Tumminello, sostenuto dai numerosi sponsor, ha potuto cosí festeggiare i 25 anni di impegno e di amicizia, con l’auspicio di poter continuare ancora in futuro ad onorare entrambi i paesi di appartenenza: Collesano e Yverdon-Les-Bains.

Grazia Tredanari

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento