Data odierna 23-10-2017

IL SEGRETARIO GENERALE CAROZZA (CGIE) E IL SEN. MICHELONI (PD) PRESENTANO L’INCONTRO  Numerose delegazioni degli organismi rappresentativi dei cittadini europei residenti fuori dai confini...

IL SEGRETARIO GENERALE CAROZZA (CGIE) E IL SEN. MICHELONI (PD) PRESENTANO L’INCONTRO  Numerose delegazioni degli organismi rappresentativi dei cittadini europei residenti fuori dai confini dei Paesi di origine si riuniranno domani, 30 aprile, al Senato della Repubblica, per partecipare al 2° incontro dei Consigli Europei dei Residenti all’Estero. Un’iniziativa, promossa dal Consiglio Generale per gli Italiani all’Estero (Cgie) e dalla Presidenza del Senato, che fa seguito all’iniziativa francese del settembre 2008.
“La mobilità in Europa è destinata a crescere e poco si è fatto fino ad ora nelle misure di accompagnamento a questa mobilità crescente”, ha affermato il segretario generale del Cgie presentando oggi l’evento nella Sala Caduti di Nassirya del Senato insieme all’on. Claudio Micheloni, senatore del Pd eletto all’estero. “L’intuizione avuta dalla Francia nel 2008″ ha aggiunto Carozza, “è corretta e per questo abbiamo accolto l’”idea di Parigi” e organizzato l’iniziativa italiana.
Dall’incontro di Parigi, nel 2008, prese forma un documento che indicava alle istituzioni europee la strada per una più specifica attenzione all’Europa “en mouvement”, un documento contenente le priorità per una più compiuta integrazione all’interno dei confini dell’Unione. “Sono infatti circa 20 milioni i cittadini europei “en mouvement”", ha reso noto il segretario generale del Cgie sottolineando che “si rileva ancora una forte “disomogeneità” nel modo in cui i 27 Pesi membri si rapportano a loro”. La materia della “mobilità in Europa”, ha continuato Carozza, “dovrebbe diventare un concetto sempre più “europeo” e non va più lasciata agli Stati membri. Questo sarà l’argomento al centro della riflessione di domani”.
Dalla conferenza di domani, ha spiegato Carozza, “emergerà la richiesta comune al Parlamento Europeo di farsi promotore di un’assise a Bruxelles per riflettere su come procedere operativamente in questa direzione”. Rispetto all’incontro di Parigi il segretario generale del Cgie ha annunciato anche una novità: “proporremo l’insegnamento della Storia della Costruzione Europea e dei valori sulla quale questa costruzione si è basata. Un insegnamento che accompagnare gli studenti sin dalla scuola elementare e fino all’Università. Questi ragazzi dovranno arrivare già preparati al progetto “Erasmus” in modo tale da viverlo così come un momento di slancio e non solo di formazione. Dobbiamo”, ha sintetizzato, “far nascere una coscienza dell’Europa”.
“Mi auguro che la giornata di domani faccia riflettere le nostre Istituzioni anche sul discorso della rappresentanza degli italiani all’estero”, ha poi osservato il senatore Micheloni spiegando che è stato scelto il tema dell’insegnamento “a dimostrazione che in questa iniziativa non c’è nulla di teorico e di mediatico”. L’Europa”, ha aggiunto il senatore del Pd, “deve cogliere questa palla. È importante insistere che il prossimo appuntamento, il terzo, deve avvenire a Bruxelles proprio su iniziativa del Parlamento Europeo”.
La conferenza di domani, alla quale parteciperanno anche delegati di 12 diversi Paesi, inizierà alle ore 10 con il saluto e l’introduzione della vicepresidente del Senato, Emma Bonino. Il segretario generale del Cgie Elio Carozza parlerà poi degli obiettivi del simposio e sul “Progetto di Dichiarazione dei Rappresentanti delle Comunità di cittadini europei migranti nei Paesi membri dell’Unione Europea”. A seguire l’intervento di Jean-Pierre Villaescusa, membro dell’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea dei Francesi all’estero sulla Dichiarazione di Parigi del 30 settembre 2008. Prenderà poi il via la prima sessione dei lavori sul tema “L’Europa in movimento e le Istituzioni europee” con l’intervento del sottosegretario di Stato agli Affari Esteri, Alfredo Mantica, seguito da quello del presidente della Commissione Affari esteri, emigrazione, Lamberto Dini. Dopo un momento di dibattito le conclusioni della prima sessione saranno affidate al vicepresidente del del Parlamento Europeo, Gianni Pittella, al presidente della Commissione Politiche dell’Unione europea del Senato, Rossana Boldi, e al senatore Micheloni.
Alle 14.30 prenderà il via la seconda sessione della conferenza su “Il ruolo dell’istruzione nella costruzione della coscienza civile europea”. Moderati dal senatore Micheloni interverranno il professor Roberto Ricci dell’Università degli Studi G. D’Annunzio di Chieti Pescara, il vicepresidente del Parlamento Europeo, Roberta Angelilli, e la componente della Commissione Istruzione pubblica, beni culturali del Senato, la senatrice Mariapia Garavaglia. Si procederà infine con l’approvazione del documento finale e con l’intervento conclusivo del segretario generale del Cgie, Elio Carozza.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento