Data odierna 22-10-2017

Via libera dal vertice tra governo e maggioranza ad una ‘correzione’ del porcellum entro l’estate in parallelo all’avvio del percorso costituzionale per le riforme. Lo riferisce...

Da vertice ok correzione Porcellum entro estate

Via libera dal vertice tra governo e maggioranza ad una ‘correzione’ del porcellum entro l’estate in parallelo all’avvio del percorso costituzionale per le riforme. Lo riferisce il capogruppo Cd Pino Pisicchio al termine della riunione

A Palazzo Chigi oggi incontro tra il premier Enrico Letta, i ministri Gaetano Quagliariello e Dario Franceschini ed i capigruppo di maggioranza. Al centro del vertice il percorso delle riforme istituzionali, che il 29 maggio sarà insediato ufficialmente in Parlamento, ed in particolare la correzione del Porcellum.

GOVERNO, DOPO OK CAMERE REFERENDUM CONFERMATIVO – Al termine del percorso costituzionale sulle riforme , che prevede temi come la riduzione del numero dei parlamentari e il superamento del bicameralismo, “ci sarà un referendum confermativo a prescindere dal quorum”. Lo spiegano i ministri Gaetano Quagliariello e Dario Franceschini.

RIFORME: QUAGLIARIELLO,GOVERNO ELABORERA’SUA PROPOSTA – “Avrà scopi solo consultivi la Commissione di teorici e pratici del diritto” che sarà costituita dal Governo sul tema delle riforme costituzionali. Del risultato di quel lavoro il Governo “si servirà per elaborare una sua proposta”. Così il ministro Gaetano Quagliariello, a margine di un convegno alla Luiss.

RIFORME: LETTA, DA SUCCESSO DIPENDE VITA GOVERNO – Sul successo delle riforme costituzionali si gioca la vita del governo e della legislatura. E’ quanto ha detto Enrico Letta, secondo quanto riferiscono fonti di P.Chigi, al vertice dei capigruppo di maggioranza con il governo. Il vertice governo-capigruppo è cominciato alle 8 per concludersi intorno alle 10. Alla riunione Letta ha partecipato per circa 50 minuti e anche Alfano ha lasciato la riunione prima della conclusione. Era la seconda riunione dalla nascita del governo e la volta precedente si erano prefissi di vedersi una volta a settimana, se possibile. Il tutto con una parola d’ordine: “sminare per impostare”. Stamattina ci si è concentrati, riferiscono le fonti governative, sul tema delle riforme. Erano presenti, per il governo, oltre a Letta e Alfano, il sottosegretario Patroni Griffi e i ministri Franceschini e Quagliariello. Letta, aprendo la riunione si è concentrato su alcuni punti. Il primo, metodologico, di prospettiva: dal successo delle riforme, ha detto, dipende la vita, la sopravvivenza del governo. E quindi della stessa legislatura. Il secondo, la legge elettorale: va subito messa in sicurezza la legge elettorale, entro l’estate, per evitare che si possa andare a votare con il l’attuale porcellum. Letta non è entrato nel merito di come debba essere riformato, né sullo strumento legislativo da utilizzare, anche se probabilmente sarà un disegno di legge governativo. La riunione è servita per mettere a punto una road map delle riforme: si parte il 29 maggio, quando in Parlamento si discuteranno le mozioni; il giorno dopo il governo nominerà il comitato di esperti e lo stesso giorno partirà l’iter del progetto di legge costituzionale che farà nascere l’organismo che si occuperà delle riforme. Un organismo tutto interno al Parlamento, una sorta di ‘commissione costituente’ formata da senatori e deputati. Sull’iter c’é, riferiscono le fonti, l’impegno ad approvare la legge al più presto, anche entro l’anno. Letta, in apertura ha ringraziato Renato Schifani per aver chiesto il ritiro del ddl Compagna sul dimezzamento della pena per il reato di concorso esterno in associazione mafiosa, ribribadendo che questo è l’atteggiamento giusto, perché va nella direzione dello sminamento del lavoro del governo.

QUAGLIARIELLO, DA RIFORME DIPENDE VITA GOVERNO LETTA – “Le riforme le dovrà fare il Parlamento e il Governo lo dovrà aiutare in tutti modi anche perché da esse dipende la vita di questo Governo”. Così il ministro Gaetano Quagliariello parlando a un convegno Luiss. “Il Governo dovrà dimostrare compattezza ed evitare che le contraddizioni e le diversità tra le forze politiche vengano usate per provocare spaccature. Ogni giorno ci sarà una possibile polemica – aggiunge – finora è stata usata la massima responsabilità rispetto a iniziative eccentriche”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento