Data odierna 24-09-2017

“Do il benvenuto a tutti voi, ma in particolare ai nostri nuovi colleghi, Enrico Letta, Primo Ministro d’Italia e Alenka Bratusek, Primo Ministro della Slovenia”. Presidente del Consiglio...

Consiglio Europeo: Il benvenuto di Van Rompuy a Letta

“Do il benvenuto a tutti voi, ma in particolare ai nostri nuovi colleghi, Enrico Letta, Primo Ministro d’Italia e Alenka Bratusek, Primo Ministro della Slovenia”. Presidente del Consiglio Eueopeo, Herman Van Rompuy ha accolto così i leader dei Governi giunti oggi a Bruxelles per discutere di due temi di “importanza cruciale per l’economia europea: energia e tasse”.

Per entrambi, ha detto Van Rompuy, “i tempi sono ormai maturi per fare importanti passi avanti”.

“In primo luogo, l’energia: incide sulla nostra competitività. Tutti i nostri paesi – ha proseguito – lottano con i prezzi alti: ovunque è una grande preoccupazione per le famiglie. Ma anche per le nostre industrie. Non ci sono soluzioni miracolose. Ma possiamo fare di più: consumarla meno e meglio, produrre di più e più verde, unendo le forze in un autentico mercato unico dell’energia. È arrivato il momento di preparare una strategia”.

Quanto alla politica fiscale, Van Rompuy ha ricordato che la questione è stata già affrontata a marzo. “È giunto il momento di intensificare la lotta all’evasione. Abbiamo visto evidenziare le lacune dei nostri sistemi fiscali e sappiamo che è un problema che nessuno di voi può risolvere da solo e che, in tutta Europa, sono in gioco centinaia di miliardi di euro. Quindi abbiamo bisogno di canalizzare questo slancio e mantenere alta l’attenzione. Giusto per essere chiari: non stiamo parlando di armonizzazione le tasse, o di aumentare le tasse in Europa o di diminuirle. No. Stiamo parlando di combattere congiuntamente pratiche inaccettabili che permettono ad alcune persone di evitare di pagare le tasse del tutto. È semplicemente una questione di equità”. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento