Data odierna 23-09-2017

I presidenti delle Regioni dell’arco alpino italiano (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli) e delle Province autonome di Trento e Bolzano) sono oggi, 29 giugno, a San Gallo, in...

Cingue regioni Italiane oggi a San Gallo unite per creare la Macro-area Alpina

I presidenti delle Regioni dell’arco alpino italiano (Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli) e delle Province autonome di Trento e Bolzano) sono oggi, 29 giugno, a San Gallo, in Svizzera, per incontrarsi con gli altri presidenti delle regioni alpine europee (appartenenti a Svizzera, Francia, Germania e Austria) e sottoscrivere un documento di “iniziativa delle Regioni” per la costruzione di una Strategia Macroregionale europea per le Alpi.

Sul modello delle Strategie Macroregionali del Baltico e del Danubio, oggi pienamente operative, le Regioni alpine di Italia – guidate da Rollandin, Cota, Formigoni, Zaia, Tondo, Dellai e Durnwalder -

si troveranno unite per condividere un percorso di coordinamento delle politiche europee, che riguardano uno spazio significativo nel cuore dell’Europa, un territorio abitato da 70 milioni di persone e costituito dalle regioni più sviluppate e dotate di un tessuto imprenditoriale e di centri di innovazione di prim’ordine.

Le Regioni e le Province autonome italiane, che, abbracciando la totalità del versante sud delle Alpi, rappresentano da sole un terzo delle popolazioni del territorio interessato dalla Strategia, arrivano unite a questo appuntamento, determinate a dare una spinta decisiva a questa iniziativa comune e a farsene sostenitrici presso il Governo nazionale e tutte le Istituzioni europee.

La Strategia Macroregionale non significa nuove strutture od organizzazioni né maggiori spese per il cittadino. Essa rappresenta il modello di una collaborazione interregionale e transnazionale permanente per lo “sviluppo economico in un ambiente intatto”, come recita il documento dell’”Iniziativa delle Regioni”. Sviluppo fondato sui tre pilastri della innovazione e competitività, ambiente ed energia, accessibilità e trasporti.

Queste saranno le linee di sviluppo del programma comune, che sarà proposto venerdì 29 Giugno – a nome delle popolazioni alpine europee e nell’applicazione del principio di sussidiarietà alla base della costruzione europea – ai Governi nazionali e, tramite loro, alle Istituzioni europee, per essere approvata formalmente. La Strategia Macroregionale per le Alpi rappresenterà finalmente il punto di svolta, un’occasione di ripensamento delle politiche per la crescita di un’Europa davvero unita dal basso, a partire dalle realtà locali e territoriali, esaltando la diversità e l’identità di ciascun popolo nella casa comune europea.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento