Data odierna 22-09-2017

Nelle iniziative didattiche si parlerá di letteratura, storia dell’arte, giornalismo e diritto. Rimarranno aperte  fino al 10 settembre le iscrizioni ai corsi di lingua promossi dall’Istituto...

Nelle iniziative didattiche si parlerá di letteratura, storia dell’arte, giornalismo e diritto.

Rimarranno aperte  fino al 10 settembre le iscrizioni ai corsi di lingua promossi dall’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles. I corsi a pagamento avranno luogo presso Boulevard Général Wahis 238 a 1030 Schaerbeek. Per informazione sulla durata, sui tempi e sui costi delle iniziative didattiche contattate corsi.iicbruxelles@esteri.it o telefonate al 02/533.27.20. E’ a disposizione anche la pagina web:  www.iicbruxelles.esteri.it/IIC_Bruxelles/Menu/Imparare_Italiano/I_corsi_di_lingua/.

Per quanto riguarda lo specifico dell’iniziativa ricordiamo il corso di storia dell’arte italiana dal titolo “L’arte nelle cittá d’Italia” che sará finalizzato ad illustrare dal punto di vista storico-artistico, con proiezione di immagini e lettura di fonti, alcune delle più belle cittá italiane, concentrandosi in particolare sui momenti rispettivi di maggiore fioritura artistica. Concepito come una “guida” alla conoscenza di monumenti, musei e luoghi storici delle cittá d’Italia, il corso verte sull’importanza del ruolo giocato da centri come Napoli, Palermo, Roma, Firenze, Siena, Venezia o Ferrara nello sviluppo del ‘primato’ italiano in campo artistico e sull’attivitá dei suoi protagonisti negli ambiti della pittura, della scultura e dell’architettura.

Calando le opere d’arte all’interno del contesto storico e geografico che le ha viste nascere, il corso fornisce un ausilio alla loro lettura che permette di comprenderne e apprezzarne in maniera globale lo specifico linguaggio artistico.

Da segnalare anche il corso per stranieri “Leggere e oltre” in cui gli studenti, anche grazie all’ausilio di programmi tv, film e canzoni,  potranno leggere, parlare e ascoltare l’italiano a un livello di conoscenza C1/C2 (intermedio – avanzato). Dall’Istituto Italiano di Cultura viene inoltre organizzato un “Laboratorio di scrittura” in cui gli stranieri, come nella redazione di un giornale, saranno guidati nella creazione di articoli (secondo uno stile giornalistico), dopo aver visionato un filmato che introduce l’argomento. Una fase di dibattito e scambio di idee sul soggetto precede la stesura dei pezzi che, dopo la correzione individuale e collettiva, sono destinati alla “pubblicazione” sul giornale artigianale “Sognando in italiano”.

Il corso “Italiano e oltre” offrirá invece agli stranieri un’esperienza didattica avanzata in cui si cercherá di rafforzare le competenze linguistiche e comunicative degli iscritti attraverso l’approfondimento delle principali strutture morfosintattiche , l’arricchimento lessicale, lo sviluppo della conoscenza della cultura italiana in ogni suo aspetto: storia,letteratura, cinema, lettura integrale di romanzi di autori classici e contemporanei. Da ricordare anche il corso per stranieri “Antologia della letteratura italiana” in cui gli studenti approfondiranno i testi di San Francesco d’Assisi, Manzoni, Tasso, Leopardi, Montale, Ariosto, Eco e Pirandello. Machiavelli, Foscolo, Pavese, Carofiglio, D’Annunzio, Angiolieri, Verga e Pascoli. Camilleri, Boccaccio, Fogazzaro, Moravia, Cassola, Quasimodo, Baricco e Petrarca. I partecipanti ai corsi attraverseranno infatti i secoli, dall’800 fino ai nostri giorni, conoscendo la vita degli autori, noti e un po’ meno, della letteratura italiana e il periodo storico in cui sono inseriti. Leggeranno brani delle loro opere più significative (spesso associate alla musica e all’arte del tempo) e assisteranno a loro trasposizioni cinematografiche, che ne daranno una visione ancor più ricca e completa. Anche la Divina Commedia verrá ripercorsa attraverso l’ascolto dei canti, letti, commentati e illustrati da artisti di ogni tempo.

Da segnalare infine il corso “L’italiano nel diritto”che si pone  l’obiettivo di introdurre gli stranieri (con interesse professionale o personale) al linguaggio giuridico italiano in diversi settori (diritto civile, penale, privato, processuale, commerciale, comunitario, del lavoro, canonico, turistico…), in una forma accessibile anche ai non addetti ai lavori, attraverso la lettura e l’analisi di articoli di stampa (oltre che di testi normativi) e di materiale autentico. La visione di film faciliterá inoltre l’acquisizione della terminologia e dei meccanismi giuridici e legislativi italiani. Sará anche costruttiva la comparazione tra sistemi nazionali.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento