Data odierna 22-10-2017

Carla Cantone, segretario generale dello Spi Cgil nella relazione al Direttivo nazionale, analizzando “la pesante crisi vissuta dall’Europa ed in particolare dal nostro paese”...

Carla Cantone, segretario generale dello Spi Cgil nella relazione al Direttivo nazionale, analizzando “la pesante crisi vissuta dall’Europa ed in particolare dal nostro paese” ha posto l’accento sulle misure prese dal Governo per contenere la spesa generale. “I tagli effettuati – ha detto – avranno effetti devastanti soprattutto in alcune regioni, molte di esse avranno pochissimi margini di intervento autonomo,alcune rischiano di divenire esecutori fallimentari di settori strategici,”. Per Cantone l’impegno dello Spi e di tutto il sindacato, a fronte “dell’aumento delle diseguaglianze, del pericolo di collasso di tutto il sistema socio–sanitario” dovrá “trovare risposte adeguate agli interventi sul welfare, a partire dalla non autosufficienza; a tutt’oggi non sono stati ancora distribuiti i 400 milioni di quest’anno”. Dopo due anni di separazione i sindacati dei pensionati di Cgil Cisl e Uil, riprendono a dialogare e per domani 14 luglio a Roma è previsto un seminario unitario nazionale sulla “contrattazione sociale e sanitaria nel territorio”. Secondo il segretario generale dello Spi “nulla è scontato ma occorre ripartire dal territorio per contrastare gli errori del Governo nazionale”.

Il sindacato dei pensionati della Cgil sottolinea che “in tutta Europa cresce la mobilitazione contro le misure e i tagli presi che impoveriscono le persone più deboli” e che lo Spi parteciperá alla manifestazione del 29 settembre a Bruxelles organizzata dai sindacati europei.

Lo Spi Cgil “intensificherá la contrattazione territoriale sociale, senza rinunciare peró al tavolo nazionale che il Governo continua a negare per la rivalutazione dei redditi da pensione”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento