Data odierna 21-11-2017

Incontro ieri pomeriggio a Palazzo Strozzi Sacrati di Firenze tra l’assessore alla presidenza Vittorio Bugli e il ministro per la Cooperazione del popolo Saharawi, Brahim Mojtar. Un cordiale colloquio...

Bugli incontra il ministro per la cooperazione del popolo Saharawi

Incontro ieri pomeriggio a Palazzo Strozzi Sacrati di Firenze tra l’assessore alla presidenza Vittorio Bugli e il ministro per la Cooperazione del popolo Saharawi, Brahim Mojtar. Un cordiale colloquio durante il quale il diplomatico africano ha illustrato la sempre più drammatica situazione della comunità del Sahara occidentale.

Il ministro si è soffermato in particolare sul diritto negato all’autodeterminazione e la violazione dei diritti umani, sull’impatto negativo della crisi sul fronte sanitario, dell’alimentazione e dell’educazione, e sull’instabilità politica della regione che certo non aiuta.

“La Regione assicurerà, per quanto nelle nostre capacità, tutto il sostegno possibile”, ha risposto Bugli. Da decenni esiste in Toscana una rete di associazioni e di comuni impegnati nel sostegno al popolo Saharawi con azioni di solidarietà (tra l’altro, la Regione Toscana sta sostenendo un progetto in ambito socio sanitario a favore delle donne del popolo Saharawi) e con questa rete potrebbero essere studiate nuove forme di intervento.

Il secondo impegno riguarda il portare la questione all’attenzione della Conferenza delle Regioni, che già a metà luglio dovrebbe occuparsi del tema con la convocazione di un apposito tavolo tecnico, sottoponendola all’attenzione della Commissione per le Attività internazionali della Conferenza. “Con l’obiettivo”, ha concluso Bugli, “di rafforzare il processo di sensibilizzazione sulla situazione del popolo Saharawi, sollecitando in questa direzione anche il Parlamento”.

Al termine dell’incontro, l’assessore Bugli ha consegnato al ministro Mojtar un piccolo omaggio in segno di amicizia tra la Regione Toscana e il popolo Saharawi. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento