Data odierna 25-09-2017

Lo Stato brasiliano di Espirito Santo, situato a nord di Rio de Janeiro e a Sud di Bahia, detiene un primato: il settantatre per cento della sua popolazione è di origine italiana! L’on. Fabio Porta,...

Brasile: Lo Stato di Espirito Santo…tutto italiano

Lo Stato brasiliano di Espirito Santo, situato a nord di Rio de Janeiro e a Sud di Bahia, detiene un primato: il settantatre per cento della sua popolazione è di origine italiana! L’on. Fabio Porta, parlamentare del Partito Democratico eletto in America Meridionale e presidente dell’Associazione di Amicizia Italia-Brasile, ha voluto dedicare una intera ed intensa giornata di incontri proprio a questa grande e significativa collettività.

La prima parte della visita è stata dedicata agli incontri con il potere legislativo e quello esecutivo dello Stato di Espirito Santo.

Nella capitale Vitoria, la deputata statale Luzia Toledo, vicepresidente dell’Assemblea Legislativa, ha ricevuto il deputato presso il gabinetto del presidente; in realtà si è trattato di un re-incontro: due anni fa, infatti, la deputata era stata ricevuta a Roma nel gabinetto dell’on. Porta per discutere sulle principali rivendicazioni della grande collettività italiana dello Stato, in primo luogo i servizi consolari che l’attuale sede onoraria non riesce a garantire in forma efficiente e adeguata alle dimensioni di tale popolazione.

Il parlamentare è stato quindi ricevuto dal governatore Renato Casagrande; anche in questo caso si è trattato di un incontro tra amici: con l’allora senatore Casagrande, infatti, il deputato si era già incontrato a Brasilia e poi a Roma.

“Con la deputata Luzia Toledo e con il governatore Renato Casagrande ho affrontato questioni oggettive e abbiamo parlato di progetti concreti”, ha spiegato Porta, che è “rimasto colpito positivamente dal loro grandissimo legame con la nostra collettività: le nostre istituzioni dovrebbero conoscere e valorizzare di più queste disponibilità, anche in vista della individuazione di possibili soluzioni a problemi seri come quello della nostra precaria rete consolare”, ha aggiunto.

In particolare, ha continuato Porta, “con il Governatore abbiamo discusso a lungo su iniziative comuni per fare conoscere in Italia lo Stato di Espirito Santo e la sua grande “italianità”; una serie di eventi e progetti si svilupperanno nei prossimi mesi anche nell’ambito di Momento Italia-Brasile; è prevista anche una visita ufficiale del Governatore in Italia nel 2012″.

“In queste settimane è in corso nella suggestiva cornice di “Palazzo Anchieta” uno dei principali eventi del MIB, la mostra sul pittore italiano Amedeo Modigliani, patrocinata dall’Associazione di Amicizia Italia-Brasile”, ha ricordato il parlamentare, che come presidente dell’Associazione di Amicizia Italia-Brasile ha aggiunto: “la nostra Associazione si è impegnata a sostenere e a seguire da vicino anche le altre iniziative in programma, alcune delle quali ipotizzate proprio con il Governatore, a partire dal prossimo congresso della stampa italiana in Brasile”.

La giornata si è poi conclusa con una affollata assemblea organizzata dal locale circolo del Partito Democratico presso la sede del Circolo Trentino di Vitoria; ad accogliere Fabio Porta c’erano il presidente del Circolo Trentino, Josè Renato Margon, e la presidente e il segretario del Circolo del PD, Andressa Del Pra e Ottavio De Carli.

“L’Assemblea è stata un importante momento di confronto con la comunità italo-brasiliana di Espirito Santo delle proposte del Partito Democratico e della mia attività parlamentare”, ha sottolineato il deputato, “ed è stata organizzata in un momento particolarmente importante e delicato per la vita politica ed economica del nostro Paese, a pochi giorni dall’insediamento e dalla fiducia parlamentare ricevuta dal nuovo governo del professore Mario Monti”.

“Anche nel corso di questa riunione”, ha concluso Fabio Porta, “si è discusso con franchezza e obiettività dei tanti problemi e delle possibili soluzioni; ho anche avuto modo di parlare per la prima volta di una proposta di legge che mi accingo a presentare in Parlamento: l’istituzione del difensore civico per gli italiani all’estero”

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento