Data odierna 19-11-2017

Ultimi giorni della campagna elettorale, ma l’impegno non finisce. Le schede elettorali per l’elezione dei rappresentanti degli italiani all’estero nel parlamento italiano devono arrivare ai Consolati...

Bozzolini: Abbiamo rimesso in campo la sinistra italiana in Europa e continueremo a tenerla in gioco anche dopo le elezioni

Ultimi giorni della campagna elettorale, ma l’impegno non finisce. Le schede elettorali per l’elezione dei rappresentanti degli italiani all’estero nel parlamento italiano devono arrivare ai Consolati entro il 21 febbraio, giovedì prossimo. C’è ancora qualche giorno a disposizione per votare, poi la campagna elettorale sarà terminata.
E’ questa quindi l’occasione per fare un appello a tutti e tutte gli elettori e le elettrici che non lo abbiano ancora fatto, di compilare la scheda e votare per Sinistra Ecologia e Libertà.
Le discussioni e i confronti avuti nei numerosi incontri di questi giorni hanno confermato in me la convinzione che il voto a SEL sia l’unica possibilità per raggiungere due obiettivi:

• Dare un contributo a far uscire l’Italia da una crisi che non è solo economica, ma anche politica, etica e morale. In una crisi così profonda non basa il voto di protesta, anzi è oggi più che mai necessario mettere in campo un progetto politico di governo per la trasformazione del paese. E’ il progetto della colazione Italia Bene Comune in cui il compito di SEL è portare i valori della sinistra, dalla centralità del lavoro al riconoscimento dei diritti civili propri di una moderna società europea.

• Rinnovare profondamente la rappresentanza degli italiani nel mondo, e di quelli in Europa in particolare. E’ impellente infatti chiudere la stagione della retorica antiquata e del lobbysmo (per altro inefficiente) e rappresentare invece politicamente le nostre comunità all’estero nella loro complessità, portandone nel parlamento italiano i valori e le esperienze.

E’ una sfida ancora davanti a noi, per la quale è necessario un ultimo sforzo di mobilitazione e di impegno. A tutte le persone che si stanno impegnando, si sono impegnate e s’impegneranno per questi obiettivi va quindi fin da ora il mio ringraziamento personale e quello di SEL.

A loro e a tutte le persone incontrate in questi giorni penso sia necessario però dire che il nostro impegno non si chiuderà comunque il 24 e 25 febbraio. Riprendendo un vecchio slogano del maggio francese, questo non è che l’inizio.

Abbiamo rimesso in campo la sinistra italiana in Europa e continueremo a tenerla in gioco anche dopo le elezioni.

Tutte le realtà di circoli, associazioni, gruppi e/o singole persone che abbiamo incontrato in questi giorni, che ci hanno chiesto di dialogare e che si sono confrontante con noi, dimostrano come ci sia tra gli italiani in Europa una realtà sociale e politica più ricca, articolata, vivace e complessa di come viene rappresentata nella vulgata corrente. Bisogna continuare a lavorare per garantirne la visibilità e la rappresentanza.

Più in generale è emerso ancora una volta come l’elezione di 18 parlamentari non possa risolvere comunque il problema della rappresentanza di 4 milioni di cittadini distribuiti in tutto il mondo. La rappresentanza politica parlamentare non funziona se non è affiancata e supportata da organismi rappresentativi di base e della complessa realtà sociale delle nostre comunità.

Bisogna quindi con urgenza rilanciare i COMITES e il CGIE, concludendo la fase di sospensione della democrazia apertasi con le continue proroghe delle elezioni per il loro rinnovo.

In Europa circa un quarto degli elettori e delle elettrici sono emigrati, o hanno ottenuto il diritto di voto, dopo le ultime elezioni dei COMITES. Sono una risorsa e un fattore di rinnovamento che non possiamo continuare a tenere fuori dalla porta e che dobbiamo invece coinvolgere in prima persona nei processi democratici.

La nostra agenda non si chiude quindi il 24 e 25 febbraio. Il nostro è un impegno di lungo periodo, di cui questa è la prima tappa.

Grazie mille a tutti e a tutte.

Guglielmo Bozzolini

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento