Data odierna 23-09-2017

Il ministro della Giustizia apre ad alcune richieste del Pdl sul ddl anticorruzione. “C’è l’impegno a rimodulare le norme sul traffico di influenza e sulla corruzione tra privati. Il...

Anticorruzione, Severino apre a modifiche “Impegno a rimodulare parti del testo”

Il ministro della Giustizia apre ad alcune richieste del Pdl sul ddl anticorruzione. “C’è l’impegno a rimodulare le norme sul traffico di influenza e sulla corruzione tra privati. Il resto spetta al dibattito parlamentare”. Così Paola Severino ha risposto ad una domanda sull’emendamento ‘salva Ruby’ al ddl anticorruzione. Sull’ipotesi di porre la fiducia ha detto “prima dalla Commissione esca un testo corretto”. Insomma, no a emendamenti che avrebbero l’effetto di far saltare il processo milanese per il caso Ruby, in cui Berlusconi è accusato di corruzione. Ma un’apertura a ritocchi su cui il partito dell’ex premier ha diverse critiche da avanzare: proprio la corruzione tra privati e il traffico di influenze. “Bisogna lavorare – ha infatti spiegato Severino – affinchè esca dalle commissioni un testo più condiviso possibile”:

L’annuncio del ministro arriva all’indomani del nuovo blitz Pdl in commissione giustizia al Senato, dove sono stati presentati nuovi emendamenti cosiddetti salva-Ruby 1. Oggi invece il segretario del Pdl Angelino Alfano ha preferito parlare di un’altra proposta di modifica arrivata dal Pdl: quella del cosiddetto emendamento anti-Batman che punisce, con la reclusione da 2 a 6 anni, chi utilizza ad altri fini o a scopi personali i contributi pubblici. Insomma una norma pensata sul caso di Franco Fiorito.

Anche se non trova il testo del ddl “completamente soddisfacente”, Anna Finocchiaro, capogruppo Pd al Senato, chiede che “il provvedimento sulla corruzione venga approvato così com’è arrivato dalla Camera, anche con il voto di fiducia”. Secondo l’esponente democratica “la corruzione costa al Paese 60 miliardi all’anno” e dunque non bisogna “dare tempo a nessuno di giocare con un tema così delicato, complesso e centrale”.

Nel momento in cui sarà onorato l’impegno a rimodulare le norme su traffico di influenza e corruzione tra privati, per il vicecapogruppo vicario del Pdl al Senato, Gaetano Quagliariello,”il Pdl, nel rispetto del dibattito parlamentare, farà di tutto per agevolare e accelerare l’iter di approvazione della legge anticorruzione”. Così da “smentire con i fatti le falsità di chi – ha aggiunto il senatore azzurro -, dopo aver tentato di appropriarsi di un provvedimento che porta la firma dell’allora ministro Alfano, accusa di voler difendere i corrotti chi invece cerca soltanto di far passare una buona legge e non una legge purchessia”.

Fa un appello alle “persone di buon senso che abitano il parlamento e siedono al governo” il responsabile giustizia dell’Idv, Luigi Li Gotti. “Chiedo al Pd di non prestare il fianco a quest’operazione – ha detto il senatore – e al governo, ministro Severino in primis, di non accettare accordi al ribasso”. Con la lotta alla corruzione “non si scherza – ha aggiunto Li Gotti -: è un cancro che si sta mangiando il Paese”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento