Data odierna 23-08-2017

Si chiama “Destinazione Italia” il Piano annunciato nei giorni scorsi e varato oggi dal Consiglio dei Ministri con l’obiettivo di attrarre investimenti esteri nel nostro Paese. Ad illustrare...

Al via ‘Destinazione Italia’, Bonino: Rete diplomatico – Consolare in prima linea per attrarre investimenti stranieri

Si chiama “Destinazione Italia” il Piano annunciato nei giorni scorsi e varato oggi dal Consiglio dei Ministri con l’obiettivo di attrarre investimenti esteri nel nostro Paese.

Ad illustrare il Piano anche il Ministro degli Esteri Emma Bonino che ha sottolineato in particolare il contributo che darà la Farnesina attraverso la sua rete diplomatico-consolare.

Ricordata la capacità di esportare delle nostre imprese, cosa per altro che ha consentito loro di sopravvivere alla crisi, il problema vero, ha detto Bonino, è “l’attrazione dei capitali esteri e il consolidamento degli investimenti degli stessi italiani in Italia”.

La Farnesina, dunque, è in prima linea – e “non solo per la questione – visti, che comunque non è marginale” – anche grazie alla ristrutturazione della rete diplomatico – consolare: “stiamo chiudendo agenzie in Svizzera”, ha portato ad esempio il Ministro, “per essere più aperti in zone dove ancora non siamo”, per “una modernizzazione indispensabile”, nonostante “le resistenze che conosciamo e che diamo per scontate in modo da saperle, per superarle”.

“Noi – ha aggiunto Bonino – vogliamo molto bene alla comunità italiana a Spalato, ma forse 42 passaporti all’anno li possiamo fare anche per via telematica, mentre in intere province cinesi, così come in altre parti, non ci siamo proprio”.

La rete, ha proseguito, “andrà potenziata in alcuni mercati” con “personale qualificato e specializzato”, perché “attrarre investimenti non è la stessa cosa che promuovere l’export. Non sono le facce di una stessa medaglia. Sono proprio due medaglie diverse”.

Ambasciate e consolati, dunque, saranno “strumenti indispensabili non solo per lo scouting, ma anche per l’attrazione vera e propria e per la fidelizzazione degli investimenti”.

Nel corso della conferenza stampa, si è ricordato che il nostro Paese ha un “drammatico bisogno” di investimenti esteri che al momento hanno “cifre troppo basse” ed è stata confermata l’intenzione di fare un road show nelle principali piazze finanziarie mondiali. Prima tappa la prossima settimana a New York, mentre la seconda sarà nei Paesi del Golfo.

Nell’immediato, è prevista una consultazione pubblica con i soggetti istituzionali e pubblici che durerà 2-3 settimane, il tempo necessario perché tutti i soggetti, pubblici e privati, che vogliono dare un contributo possano farlo. L’adozione definitiva del Piano arriverà a ottobre. (aise)

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento