Data odierna 12-12-2017

“Dopo svariati anni di amicizia trovo molto scorretto apprendere il pensiero che il Conte Santellocco ha nei miei riguardi da un articolo pubblicato dall’Aise”. Così il deputato di...

“Dopo svariati anni di amicizia trovo molto scorretto apprendere il pensiero che il Conte Santellocco ha nei miei riguardi da un articolo pubblicato dall’Aise”. Così il deputato di Idv Antonio Razzi replica alle dichiarazioni di Franco Santellocco, vice presidente del Cram e presidente della V commissione tematica del Cgie, in merito alle sue visite all’Aquila.

“Il suo mettere in dubbio le finalità della mia visita alla città dell’Aquila – scrive, in proposito il deputato eletto in Europa, di origine abruzzese – mi lascia interdetto, ho scelto volutamente di portare la delegazione di parlamentari svizzeri all’Aquila affinché si potessero rendere conto personalmente della gravità dei danni generati dal terremoto e avessero così potuto fare anche loro qualche opera di beneficenza a favore dell’Abruzzo”.
“La sua ironia – rimarca Razzi – è senza ombra di dubbio fuori luogo, anzi lo inviterei a farmi sapere cosa ha fatto lui per l’Aquila, in veste di Vice-Presidente del CRAM e come Presidente della V Commissione del Cgie. Io l’Abruzzo l’ho sempre portato nel cuore e come semplice membro del CRAM insieme ad altri amici abruzzesi abbiamo dato il nostro contributo nella ricostruzione di alcune opere della Città di Camarda, duramente colpita dal sisma”.
“Comunque – conclude Razzi – n n è nel mio stile stare ad elencare cosa ho fatto o cosa non ho fatto, volevo semplicemente rispondere ad una persona che “guarda la pagliuzza negli altri senza guardare la trave che è nei suoi occhi”".

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento