Data odierna 25-09-2017

Un fotoreporter italiano, Mattia Cacciatori, e’ stato fermato dalla polizia a Istanbul ”mentre stava filmando la manifestazione di Gezy park e le cariche della polizia”. Lo rende noto...

Turchia: fermato fotoreporter italiano a Istanbul

Un fotoreporter italiano, Mattia Cacciatori, e’ stato fermato dalla polizia a Istanbul ”mentre stava filmando la manifestazione di Gezy park e le cariche della polizia”. Lo rende noto l’associazione Articolo 21, mentre fonti della Farnesina confermano che il consolato generale di sta seguendo la vicenda in contatto con le autorita’ turche.

Cacciatori, originario della provincia di Verona, lavora come fotoreporter in un’agenzia. “Si tratta – denuncia Beppe Giulietti, portavoce articolo 21 – dell’ennesimo episodio di violenza contro un cronista che cerca di documentare quanto sta accadendo in quel paese e di informare le pubblica opinione italiana, e non solo”.

Il 17 giugno scorso un altro fotografo italiano, Daniele Stefanini, è stato ferito e fermato dalla polizia turca a Istanbul durante gli scontri. Rilasciato il giorno dopo, Stefanini aveva parlato dei metodi violenti usati dai poliziotti che lo avevano buttato a terra con schiaffi, calci e avevano utilizzato lo spray urticante.

“Mi hanno arrestato, sono sul furgone insieme ad altre persone, arrestate anche loro, e mi stanno portando nella stazione centrale di Aksaray”. E’ il messaggio scambiato ieri sera con i familiari da Cacciatori. Lo riporta il quotidiano di Verona L’Arena, sottolineando l’angoscia dei parenti per le sorti del giovane, laureato in cooperazione allo sviluppo.

Da allora solo un sms da parte del professionista, specializzato in reportage dai teatri di guerra. Le ultime notizie ai familiari, Cacciatori le ha inviate con un cellulare prestatogli da un’amica, Giulia Stagnitto, rientrata da poco in Italia. “Io ho fatto rientro a casa il 20 giugno – spiega la ragazza – lui è partito il 22″. Le notizie più recenti raccolte dai genitori lo davano ieri sera nella questura centrale, a Vatan.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento