Data odierna 22-09-2017

Oggi, durante l’audizione del Ministro degli Affari esteri, Emma Bonino, presso le Commissioni esteri congiunte di Camera e Senato, l’on. Nissoli è intervenuta nel dibattito ringraziando il...

Nissoli: lavorare alla crescita della lingua italiana nel mondo

Oggi, durante l’audizione del Ministro degli Affari esteri, Emma Bonino, presso le Commissioni esteri congiunte di Camera e Senato, l’on. Nissoli è intervenuta nel dibattito ringraziando il Ministro “per il riferimento alle nuove generazioni” dell’emigrazione italiana ed ha sottolineato l’importanza di ” valorizzare questo patrimonio (l’emigrazione) inestimabile e questa rete capillare per la promozione del Sistema Italia, in maniera tale che le politiche per gli italiani all’estero siano parte integrante della politica estera italiana”.
L’on. Nissoli richiamando l’intervento del Ministro sul tema “della democrazia della crescita” e del “cambiamento culturale che è in atto anche a causa delle migrazioni di italiani all’estero come nuovo volano”, ha sostenuto “la necessità di fare sistema nell’impostazione del modello Italia nel mondo” ed ha chiesto al Ministro di “lavorare alla crescita della lingua italiana nel mondo, anche all’interno di un cammino che vede lo ius culturae come centrale nel percorso di acquisizione e formazione della cittadinanza, e ad un rilancio della diffusione della cultura italiana attraverso una ripresa/rilancio di Rai Italia e degli Istituti italiani di cultura”.
Inoltre, la parlamentare eletta in Nord e Centro America ricordando che nel “secondo semestre del 2014 l’Italia avrà la Presidenza di turno dell’ UE” ha puntualizzato l’importanza di mettere a punto adeguate politiche euromediterranee in grado di accogliere quella domanda di made in Italy che è veramente forte sia in Nord Africa che in tutta l’Africa. Infine, l’on. Nissoli ritiene che l’Italia, nell’ ambito del negoziato commerciale Europa-Usa debba lavorare nella “prospettiva di estrapolare da tale negoziato i servizi culturali e audiovisivi, attuando la cosidetta “eccezione culturale”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento