Data odierna 21-09-2017

Non sarà possibile fumare le sigarette elettroniche nei bar, nei ristoranti, negli uffici e nelle scuole. L’Italia, sulla regolamentazione delle e-cig, ha deciso di seguire il modello francese....

La sigaretta elettronica è vietata nei locali pubblici

Non sarà possibile fumare le sigarette elettroniche nei bar, nei ristoranti, negli uffici e nelle scuole. L’Italia, sulla regolamentazione delle e-cig, ha deciso di seguire il modello francese. E’ questo il parere che il Consiglio superiore di sanità (Css) ha trasmesso al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, stabilendo che dovranno essere vietate nei luoghi pubblici.
Saranno inoltre necessarie precauzioni per l’utilizzo delle ‘bionde elettroniche’ fra i giovani e le categorie a rischio come, ad esempio, le donne in gravidanza. Secondo gli esperti del Css fumare la sigaretta elettronica è pur sempre fumare. Per questo, in un parere non vincolante, spiegano che è necessario applicare le stesse misure adottate per il tabacco.

La Francia. Una decisione quella del Css preceduta di qualche giorno da quella della Francia. Il ministro francese della Sanità, Marisol Touraine, ha vietato le e-cig nei luoghi pubblici, dopo la diffusione di uno studio di Bertrand Dautzenberg, professore di Pneumologia dell’Università Pierre et Marie Curie di Parigi. Il luminare consiglia il divieto di consumo delle e-cig nei luoghi pubblici e l’istituzione di un sistema di autorizzazioni per la vendita. È vero che la sigaretta elettronica può aiutare a smettere di fumare, ma secondo l’esperto, non è sana al 100% e il suo libero uso potrebbe incitare al consumo.

Soddisfazione dopo la decisione del Css è stata espressa dal Codacons che aveva inviato una diffida al ministero della Salute e a quello dello Sviluppo economico, chiedendo di analizzare i liquidi che alimentano le e-cigarettes. Una misura necessaria, spiega l’associazione di consumatori, “al fine di eliminare ogni rischio di diffusione di sostanze tossiche e/o nocive per la salute umana e per l’ambiente”.

I dati. Secondo un’indagine dell’Istituto superiore di sanità-Doxa, 500.00 fumatori sono passati abitualmente alla e-cig, spesso abbinandola a quella tradizionale. Piacciono, soprattutto a giovani e giovanissimi, anche perché si pensa che le sigarette elettroniche facciano meno male e possano essere utili a smettere con le ‘bionde’ tradizionali. Nella fascia d’età 15-24 anni, infatti, la prevalenza dei consumatori di e-cig è più del doppio rispetto ai consumatori di sigarette tradizionali. Dallo studio emerge però che solo il 10% di chi è passato alla e-cig (in genere da non più di qualche mese) ha effettivamente detto addio alle ‘bionde’. Sei su dieci tra i consumatori abituali, invece, stanno riducendo (chi poco, chi drasticamente) il fumo delle sigarette tradizionali mentre c’è uno ‘zoccolo duro’, circa il 22%, che non ha cambiato le sue abitudini rispetto alle bionde e fuma le une e le altre.

Gli effetti del fumo. Pesanti per la salute gli effetti del fumo. I numeri parlano di 38.500 nuove diagnosi di tumore al polmone nel 2012 soltanto in Italia, un quarto le donne, in crescita di quasi il 60 per cento in dodici anni. Per non parlare delle morti fumo-correlate. Il tabacco continua a uccidere ogni anno circa 6 milioni di persone nel mondo, in Italia circa 83.000. Sono fumatori e non fumatori. Una dipendenza che causa circa 30 malattie. Si muore per tumori polmonari, bronchite cronica, enfisemi o malattie cardiovascolari.

Oppure condividila!

Notizie simili

Una risposta to "La sigaretta elettronica è vietata nei locali pubblici"

  1. giuseppe palazzolo says:

    Per me il divieto deve valere in tutti i luoghi pubblici e privati cioe luoghi frequentati da più persone ed il divieto deve essere fermamente esteso a tutti i tipi di sigarette anche per quelle elettroniche che non fanno fumo bisogna inasprire le sanzioni amministrative-pecuniarie e sansionare i responsabili dei locali sia pubblici che privati

Lascia un commento

Invia il commento