Data odierna 22-09-2017

La seconda domenica di maggio è tradizionalmente dedicata alla Festa della mamma. Ben venga almeno una volta l’anno l’occasione di omaggiare non solo le nostre mamme, ma «la mamma» e più in generale...

Festa della mamma e riconoscenza sociale

La seconda domenica di maggio è tradizionalmente dedicata alla Festa della mamma. Ben venga almeno una volta l’anno l’occasione di omaggiare non solo le nostre mamme, ma «la mamma» e più in generale «la donna», che da che mondo è mondo incarna l’idea stessa di maternità. Purtroppo anche questa ricorrenza, come quella del 1° maggio dedicata al lavoro, più che un evento da festeggiare dovrebbe essere stimolo alla riflessione sul disagio sociale e sulla crisi delle famiglie.

Mi riferisco specialmente alla situazione italiana, dove le mamme sono le più colpite. Sono le prime ad essere licenziate, le prime a far fronte a una eventuale riduzione del bilancio familiare, le prime a fare rinunce. Spesso, purtroppo, sono anche le prime a rinunciare a ulteriori maternità perché i figli costano troppo!

Mancanza di una vera politica familiare

Anche in Svizzera, dove la situazione è comunque molto migliore di quella italiana, secondo una recente statistica, in una coppia con uno o più figli sotto i 25 anni, l’88% dei padri svolge un’attività professionale a tempo pieno, ma solo il 17% delle madri. Il 61% delle madri svolge un’attività professionale a tempo parziale, mentre la percentuale dei padri si ferma al 7,8%. E’ ancora molto diffusa l’opinione che il lavoro fuori casa delle madri sia solo accessorio e complementare a quello degli uomini e non un diritto.

In questi ultimi anni, i media italiani, troppo attratti dai giochi spesso indecorosi della politica, hanno sottovalutato e trascurato (salvo sbattere in prima pagina casi di femminicidio e infanticidio) il crescente disagio delle famiglie, la piaga della disoccupazione giovanile, i tanti giovani adulti costretti a stare in casa perché senza lavoro, la carenza di adeguate strutture di assistenza e di sostegno (consultori, asili nido, doposcuola, ecc.). La politica familiare sta accumulando gravi ritardi, fatta eccezione per le detrazioni fiscali per i figli a carico.

La famiglia dovrebbe tornare al centro dell’attenzione e dell’azione politica, come in diversi articoli prevede la Costituzione italiana. Ne cito uno per tutti (art. 31): «La Repubblica agevola con misure economiche e altre provvidenze la formazione della famiglia e l’adempimento dei compiti relativi, con particolare riguardo alle famiglie numerose. Protegge la maternità e l’infanzia e la gioventù, favorendo gli istituti necessari a tale scopo». C’è ancora molto da fare.

La mamma è come un albero grande

Diceva una vecchia poesia (di Francesco Pastonchi) che mia mamma mi recitava quand’ero bambino: «Una mamma è come un albero grande / che tutti i suoi frutti dà: / per quanti gliene domandi / sempre uno ne troverà. / Ti dà il frutto, il fiore e la foglia, / per te di tutto si spoglia, / anche i rami si toglierà…». Per questo, credo, nessun figlio dovrebbe mai sottrarsi al dovere della riconoscenza, ma nemmeno la società. Mettere al mondo dei figli, accudirli, educarli e farli crescere, è una funzione altamente sociale e una responsabilità enorme, che comporta soprattutto nelle mamme grandi sacrifici e rinunce. Per questo esse meritano anche la solidarietà e la riconoscenza sociale.

Una forma moderna di solidarietà dovrebbe consistere anzitutto in un ripensamento profondo dell’attuale distribuzione del lavoro nella società e nell’ambito familiare, cominciando dalla stessa nozione di «lavoro», riservata abitualmente all’attività professionale fuori casa. Ancora oggi si esita a considerare «lavoro» l’attività che svolgono in casa le mamme. Persino il noto giornalista ticinese di origine italiana Michele Fazioli, in un bel pezzo sul Corriere del Ticino («Piccolo elogio della madre casalinga»), tentenna tra «madre casalinga» e «madre lavoratrice» e scrive: «la madre che non lavora, diciamo la casalinga (…) dovrebbe essere valorizzata, dovrebbe essere riconosciuta come forza produttiva in senso morale ed economico…». A mio parere, bisognerebbe dire senza esitazione alcuna che anche l’attività domestica compiuta prevalentemente dalle donne è «lavoro», sebbene non retribuito. Del resto è quel che fa già da diversi anni l’Ufficio federale di statistica (UST) quando calcola il valore monetario del lavoro casalingo non remunerato, mettendolo in relazione con il valore aggiunto lordo totale della Svizzera.

I «lavori domestici»

Ritengo un errore e un difetto che nell’opinione pubblica non si sia ancora riusciti a rivalutare adeguatamente anche sotto l’aspetto reddituale l’educazione dei figli, l’assistenza ai membri bisognosi di una famiglia, le attività per mandare avanti una casa e una famiglia. Eppure basterebbe pensare al costo di un’attività di assistenza ad un familiare bisognoso, qualora, invece di essere svolta da una persona di famiglia, generalmente una donna, venisse affidata a un o una badante. Lo stesso esempio si potrebbe applicare per analogia a quasi tutte le altre attività svolte dalle donne nell’ambito familiare (pulizie di casa, cura dei bambini, ecc.).

Un altro aspetto concreto della solidarietà, soprattutto tra le coppie, sarebbe una nuova e più equa ripartizione dei lavori domestici. Da una recente statistica risulta che in Svizzera, dove la situazione è per diversi aspetti migliore di quella italiana, ben tre quarti delle donne viventi in famiglie composte da coppie con figli di età inferiore a 15 anni assumono da sole la responsabilità principale per i lavori domestici. E’ vero che oggi si registra un numero crescente di coppie (soprattutto tra i giovani) che assicurano la gestione congiunta della casa, ma quando si raggiungerà un giusto equilibrio?

Ci vorrà sicuramente del tempo perché comporta un cambiamento di mentalità, ma occorre cominciare subito. Altrimenti ad ogni «festa della mamma» ci si ritroverà con gli stessi problemi. ( Giovanni Longu )

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento