Data odierna 20-04-2018

Da “Corriere di Puglia e Lucania” Il padiglione della Corea ad Expo Milano 2015 elogiato da Barbara Degani. “La volontà e l’impegno che caratterizza la vostra partecipazione ad Expo andrebbe...

IL MINISTRO DELL’AMBIENTE ACCOGLIE LA DELEGAZIONE COREANA

Da “Corriere di Puglia e Lucania

Il padiglione della Corea ad Expo Milano 2015 elogiato da Barbara Degani.

“La volontà e l’impegno che caratterizza la vostra partecipazione ad Expo andrebbe presa come esempio di quanto sia importante e gratificante avere una presenza di così alta qualità. Per descrivere il vostro bellissimo padiglione ci vorrebbe molto più dei pochi minuti che spenderò su questo palco e vale la pena vederlo, anzi viverlo, perché è un’esperienza unica entrare in queste magnifiche creazioni architettoniche”. Così il Sottosegretario al Ministero dell’Ambiente Barbara Degani accogliendo ieri ad Expo la delegazione Coreana. Alle celebrazioni ufficiali, cominciate presso l’Expo Center con l’alzabandiera e gli inni nazionali italiano e coreano, hanno partecipato il Ministro della Cultura, dello Sport e del Turismo della Repubblica di Corea Kim Jongdeok e la Sottosegretaria al Ministero dell’Ambiente italiano Barbara Degani.

Ai discorsi dei due rappresentati erano presenti il Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015 Giuseppe Sala e del Commissario Generale di Expo Milano 2015, Bruno Antonio Pasquino.

“La Corea – ha detto Degani – ha un padiglione self-built, costruito su un lotto di quasi 4mila metri quadri, tra i più ampi dell’intero sito. La sua forma ricorda una serie di vasi tradizionali, i cosiddetti moon jar, che anche in questo caso, oltre contenere cibo, contengono cultura, tradizione e tutto ciò che di meglio il Paese offre al mondo in termini di alimentazione e sviluppo della sicurezza alimentare”.

“Il vostro Paese – ha proseguito – , signor ministro, ha saputo coniugare gli aspetti ludici e di intrattenimento con gli aspetti divulgativi ed educativi, avendo come filo conduttore il giusto equilibrio tra tradizione e tecnologia. L’Hansik – l’alimentazione coreana – porta con sé non solo il principio latino “mens sana in corpore sano” ma anche la necessità di sapersi evolvere nel tempo per potersi adattare ad esigenze differenti e a criteri di sostenibilità che mutano negli anni”.

“L’intera vostra esposizione – ha aggiunto – ruota intorno ai concetti di salute, di equilibrio e di tempo come fattore di creazione (grazie al processo di fermentazione, così importante nella cucina coreana). Il tema della vostra partecipazione “Sei ciò che mangi”, a mio avviso, va però oltre la tesi sostenuta da Feuerbach – che semplicisticamente riassumo nella battuta – mangiare meglio per pensare meglio. Infatti l’intimità del rapporto dell’uomo con il cibo supera la salute fisica e mentale, per abbracciare la tradizione e la cultura, il piacere e la dedizione che si hanno nella preparazione dei piatti e che rivelano sia un profondo attaccamento alla terra sia una ragione di incontro e di attrazione verso ciò che è apparentemente lontano”.

“Expo Milano 2015 – ha proseguito il sottosegretario – rappresenta un’opportunità straordinaria per poter affrontare il tema dell’alimentazione e della sostenibilità delle politiche di sviluppo.

Il percorso che abbiamo intrapreso vuole andare oltre questi sei mesi di Esposizione Universale, anche nell’ottica dell’Agenda di Sviluppo post-2015 delle Nazioni Unite che sostituirà i Millennium Development Goal. Per essere adeguatamente approfondito in tutte le sue sfumature, il carattere universale del tema dell’Esposizione di Milano, “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita”, non ha richiesto solo l’adesione, molto numerosa dei partecipanti, ma anche il loro contributo propositivo. Expo Milano sta offrendo un contenitore di altissima qualità, ma il contenuto sarà necessariamente il frutto di un lavoro di squadra di Governi, organizzazioni internazionali, imprese e privati cittadini”.

“La Corea vuole sostenere il carattere genuino del cibo e portare le nostre esperienze qui a Expo Milano 2015″, ha asserito da parte sua Il Ministro Jongdeok. Vogliamo condividerle con voi e con il mondo durante tutta la settimana. Il National Day è un’occasione per rafforzare l’importante collaborazione con l’Italia iniziata 130 anni fa”.

La celebrazione è proseguita con l’esibizione presso il palco allestito accanto all’Expo Center della danza coreana per eccellenza di Jang go-Chum, accompagnata da tamburi tradizionali, messa in scena dalla compagnia del National Gugak Center. La delegazione coreana guidata dal Ministro Kim Jongdeok insieme a Barbara Degani, Giuseppe Sala e Bruno Antonio Pasquino hanno poi attraversato il Decumano fino al Padiglione della Repubblica di Corea.

Qui hanno potuto visitare e scoprire il senso del concept “Hansik, cibo per il futuro: sei ciò che mangi” che cerca di rispondere alle domande “Cosa dobbiamo mangiare? Come dobbiamo mangiare? Fino a quando possiamo mangiare in modo sostenibile?”.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento