Data odierna 24-05-2018

Fin dalla sua nascita, LuganoMusica ha scelto di dedicare un ciclo di concerti a giovani talenti emergenti. Per la stagione 2018, l’attenzione è tutta rivolta agli strumenti ad arco. Protagonisti il...

Una nuova generazione di talenti splende “Al LAC” di Lugano

Fin dalla sua nascita, LuganoMusica ha scelto di dedicare un ciclo di concerti a giovani talenti emergenti.

Per la stagione 2018, l’attenzione è tutta rivolta agli strumenti ad arco. Protagonisti il violinista ventiseienne Marc Bouchkov, vincitore del premio Regina Elisabetta di Bruxelles, e due violoncellisti: Christophe Croisé, che a ventiquattro anni ha già calcato palcoscenici come la Carnegie Hall e la Tonhalle di Zurigo, e Harriet Krijgh, ventisei anni, apprezzata come solista con orchestre quali la London Philharmonic e la storica Academy of Saint Martin in the Fields.

Il primo appuntamento è per il 25 aprile con il violinista ventiseienne Marc Bouchkov.

Al LAC il giovane violinista sarà accompagnato dal pianista Christopher Park in un programma che si snoda su tre secoli. Il classicismo viennese sarà rappresentato dalla Sonata n. 17 in do maggiore di Mozart e dalla Sonata n. 7 in do minore op. 30 n. 2 di Beethoven; la grande stagione romantica tedesca dalla Sonata n. 1 “Regensonate” di Brahms. Non mancherà un capolavoro del Novecento, la Sonata in sol minore di Claude Debussy, estrema testimonianza del lavoro del grande maestro francese, già minato dal cancro e tormentato dalla divampante prima guerra mondiale.

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento