Data odierna 21-11-2017

Appollaiati sul ramo, due gufi guardavano una lepre correre nel campo. - Povera lepre, disse un gufo. Non ha nemmeno il coraggio di tornare nella sua tana. - Perché? Domandò l’altro. - Perché ha paura. -...

Vigliaccheria

Appollaiati sul ramo, due gufi guardavano una lepre correre nel campo.
- Povera lepre, disse un gufo. Non ha nemmeno il coraggio di tornare nella sua tana.
- Perché? Domandò l’altro.
- Perché ha paura.
- Paura di entrare in casa sua?
- La lepre è fatta così, replicò il gufo che aveva parlato per primo. Vive sempre nel terrore e ora che l’autunno cambia il colore delle foglie e le stacca dai rami, essa non osa nemmeno guardarle; scappa di qua e di là, terrorizzata da questa pioggia di colori.
- Ma allora è vile!
- Certo. E a forza di correre finirà in qualche tagliola, o sotto il tiro dei cacciatori.

Provo sempre “un’emozione“ nuova quando mi imbatto in persone vili, costrette alle peggiori bugie perché incapaci di affrontare la vita e di assumersi le responsabilità che ne derivano. È incredibile osservare il loro comportamento! Li ascolto incredula mentre, per abitudine o per viltà, ma con uno scopo ben preciso, mentono spudoratamente nel tentativo di sistemare le cose a proprio piacimento. Ti guardano negli occhi e, candidamente ma con fermezza, smentiscono ciò che un istante prima avevano affermato. E di codardi ce ne sono molti tra di noi, cosa di cui, nel corso degli anni, ed ancora di recente, ho dovuto prendere atto. Siamo circodati da una grande quantità di piccoli „Schettino“ (ricordate senz’altro il comandante della nave Concordia naufragata il 13 gennaio 2012. Schettino, vigliaccamente, abbandonò la nave mentre affondava quando i passeggeri erano ancora tutti a bordo, provocando così la morte di numerose persone ed in seguito mentendo oscenamente sulle effettive cause che avevano provocato quella catastrofe).

Putroppo viviamo in una società, dove dietro i sorrisi e la cordialità, si celano codardi patentati. Ma non andata a dirglielo perchè non ammetteranno mai di esserlo e neppure, ne sono convinta, si riconosceranno mai in questo mio scritto.

Una riflessione, però, è d’obbligo: forse si diventa così per proteggersi da qualcosa? O forse perché si sono subite delle violenze, oppure è uno stato che ci si porta dietro dalla nascita? Non so, in ogni caso costoro spesso proteggono la loro vigliaccheria mascherandola con qualcos’altro, quindi non è facile indivuarli e difendersi dai dispiaceri che derivano da questa tendenza perchè essi esercitano la loro natura subdola contro chi si fida. Quando la “vittima” inizia a prendere consapevolezza di quello che ha intorno, probabilmente, è già troppo tardi.

Ma forse sto sbagliando tutto…vuoi vedere che, invece, abbiamo a che fare con delle persone estremamente coraggiose nel calpestare la dignità umana, l’amicizia e il rispetto per il prossimo?

Quel che è certo è che avere rapporti con questi individui può diventare davvero pericoloso.

Purtroppo non c’è un antitodo contro la vigliaccheria e non esiste neppure nessuna formula magica!

Auguro a tutti i codardi di mia conoscenza e non) di non finire in qualche tagliola o sotto il tiro di un cacciatore.

Maria Bernasconi

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento