Data odierna 23-10-2017

Martedì 3 ottobre 2017 il Comitato per le Questioni degli Italiani all’estero e la Commissione Cultura del Senato si sono riuniti in seduta congiunta per l’esame del documento conclusivo dell’indagine...

Stato di diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo

Martedì 3 ottobre 2017 il Comitato per le Questioni degli Italiani all’estero e la Commissione Cultura del Senato si sono riuniti in seduta congiunta per l’esame del documento conclusivo dell’indagine conoscitiva sullo stato di diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo.
Il presidente del Cqie, Claudio Micheloni (Pd) ha informato i colleghi che “lo schema di documento conclusivo dell’indagine conoscitiva è in corso di ultimazione”. Dopo aver ringraziato i relatori “per il lavoro svolto” e sottolineato “le competenze delle senatrici Mussini e Montevecchi sulla materia”, Micheloni ha anticipato che “il documento contiene alcune proposte di riforma, come il coinvolgimento delle strutture scolastiche regionali e il rafforzamento del legame tra il sistema scolastico in Italia con quello all’estero, utilizzando il contingente di insegnanti all’estero anche come fonte di internazionalizzazione delle scuole italiane”.
“Personalmente – ha concluso – desidero ricordare, inoltre, il ruolo ricoperto dagli enti gestori, strumenti utili e indispensabili per la diffusione della lingua, a cui va dato il riconoscimento del lavoro finora svolto”.
La senatrice Mussini (Misto) ha sottolineato come “nel documento si sia cercato di dar conto del lavoro svolto, a partire dalle audizioni fino alle missioni effettuate. Alcuni paragrafi del documento operano una ricognizione dell’interlocuzione diretta avuta sul campo, a fronte di un quadro di riferimento assai variegato, a dimostrazione dell’ampiezza geografica della diffusione della lingua italiana”.
L’obiettivo dell’indagine, ha ricordato, era quello di “compiere una sintesi propositiva rispetto all’importanza della lingua e della cultura italiana intese quali modalità di approccio alla conoscenza”. Dopo aver sottolineato le interazioni tra la realtà italiana e quella all’estero, Mussini ha ribadito “la necessità di superare alcuni svantaggi persistenti, mettendo a sistema gli sforzi che il Paese sta già compiendo”, precisando ancora che “il testo è frutto di un lavoro condiviso, che nasce da una pluralità di visioni diverse”.
Infine, la senatrice ha voluto sottolineare “l’attività già svolta da scuole e reti di scuole, con l’ausilio degli Uffici scolatici regionali, che ha portato alla stipula di numerose convenzioni e a fenomeni di mobilità del personale. Credo sia interesse di tutti valorizzare il processo in corso nelle scuole”.
Concludendo, Micheloni ha invitato i colleghi a inviare osservazioni e contributi al testo conclusivo dell’indagine “in tempo utile per il seguito dell’esame del documento conclusivo previsto per la prossima settimana”.

(aise) 

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento