Data odierna 28-04-2017

Inaugurata il 20 febbraio la prima edizione del Festival del Cinema delle Donne di Aswan (20-26 febbraio 2017) con una nutrita presenza italiana. L’incarico della scelta dei film è stato affidato...

Il Cinema delle Donne di Aswan

Inaugurata il 20 febbraio la prima edizione del Festival del Cinema delle Donne di Aswan (20-26 febbraio 2017) con una nutrita presenza italiana.
L’incarico della scelta dei film è stato affidato ad Ahmed Al Hassouna, già direttore della Settimana della Critica al Festival del Cinema del Cairo, che – grazie alla collaborazione con il Centro del Corto di Torino e all’Istituto Italiano di Cultura a Il Cairo – ha selezionato 4 corti italiani, tutti in competizione e “L’accabadora” di Enrico Pau, in gara tra i lungometraggi.
A rappresentare le giornate dedicate ai corti italiani sarà la giovane regista Cristina Picchi, presente ad Aswan per introdurre la proiezione del suo “Champ des Possibles” e per incontrare i giovani talenti egiziani ammessi ai laboratori organizzati dal Festival. Gli altri titoli in competizione, sempre nella sezione corti, sono: “Bellissima” di Alessandro Capitani (premio David di Donatello 2016); “Bagni” di Laura Luchetti, “Il Silenzio” di Ali Asgari e Farnoosh Samadi.
Nella sezione lunghi, “L’accabadora” Enrico Pau, tratto dall’omonimo romanzo di Michela Murgia sara’ proiettato sabato 25, con sottotitoli in arabo, e chiuderà la manifestazione il nuovo film dedicato all’artista italo-egiziana Jolanda Gigliotti in arte Dalida. Il film della regista francese Lisa Azuelos vede tra i protagonisti molti attori italiani, tra cui Sveva Alviti nel ruolo della protagonista e Riccardo Scamarcio in quello di Luigi Tenco.
Tra i giurati si segnala la presenza della giovane regista italiana residente a Londra, Nathalie Biancheri.

(aise) 

Oppure condividila!

Piaciuta la notizia? Forse ti può interessare..

Lascia un commento

Invia il commento